UNO SCONTRO DIRETTO DA NON PERDERE, UNA PARTITA DA FIATO SOSPESO: PARI NEL FINALE PER IL CAGLIARI CON L’EMPOLI

Il Cagliari inizia il girone di ritorno con un pareggio casalingo contro l’Empoli. Alla Sardegna Arena finisce 2-2 una partita che i rossoblù hanno condotto a lungo, si sono visti sfilare di mano nella seconda parte per poi riacciuffarla nel finale. Il risultato è giusto, premia la forza d’animo del Cagliari che non avrebbe meritato di perdere e consente di mantenere inalterato il vantaggio di 7 punti nei confronti del terz’ultimo posto.

Nel Cagliari debutta dal 1’ Valter Birsa, che si sistema nella posizione di trequartista alle spalle degli attaccanti Joao Pedro e Pavoletti. Al posto dello squalificato Ceppitelli c’è Pisacane a fare coppia con Romagna al centro della difesa. Il resto dell’undici di partenza è identico a quello proposto lunedì scorso in Coppa contro l’Atalanta, con Ionita che arretra a mezzala per fare posto allo sloveno.

Le prime fasi della gara scorrono via senza palpiti. Al 16’ su lancio di Romagna, Pavoletti vince di forza il contrasto con Silvestre per prendere posizione, il pallone rimbalza alto, il centravanti prova una difficile soluzione in rovesciata, mandando alto. Due minuti dopo cross di Birsa dalla destra, Joao Pedro dalla parte opposta non ci arriva per un attimo.

Il Cagliari preme con insistenza, facendo circolare il pallone da destra a sinistra per poi fare spiovere palloni invitanti dalle fasce alla ricerca degli attaccanti. La difesa dell’Empoli, incentrata su tre difensori centrali, attua con intelligenza la tattica del fuorigioco e il lavoro per i rossoblù si complica.

Pericolosissimo l’Empoli al 24’: cross dalla destra di Acquah sporcato dal tocco di Joao Pedro, Zajc si libra in rovesciata e manda il pallone a lambire il palo destro della porta di Cragno. Al 29’ su cross di Di Lorenzo, Cragno in uscita bassa precede Caputo. Poi è Ionita, su cross teso di Srna, a deviare di testa anticipando Rasmussen, il pallone va fuori.

Al 36 ‘cross dalla destra di Ionita, Pavoletti colpisce di testa vincendo il duello di forza con Di Lorenzo, impatta benissimo e manda nell’angolo opposto, Provedel vola ma non ci può arrivare. Per Pavoletti è il gol numero sette in campionato, il nono in stagione.

L’Empoli, scosso, imbastisce subito una reazione costringendo il Cagliari sulla difensiva. Al 38’ su palla bassa di Acquah, tacco di Zajc per Caputo, bravo Cragno a capire tutto e ad anticipare l’attaccante. Al 44’ una serie casuale di rimpalli libera Acquah davanti a Cragno, strepitoso Romagna ad intuire gli sviluppi dell’azione e a mandare in angolo con la punta del piede.

Gli ospiti accentuano la pressione ad inizio ripresa, anche se non crea veri pericoli alla porta di Cragno. Al 57’ primo cambio della partita, lo effettua Iachini: Ucan per Brighi. La seconda sostituzione al 67’: Rodriguez per Acquah, Zajc arretra a centrocampo. Nel Cagliari Faragò rileva Birsa.

Al 69’ brivido per i rossoblù: azione personale di Zajc che affonda in area, il forte tiro cross attraversa tutta l’area di rigore, fortunatamente non c’è nessuno pronto alla deviazione sotto misura.

L’azione dello sloveno è il preludio al gol: su cross dalla sinistra di Pasqual, Di Lorenzo irrompe dalla parte opposta e dall’interno dell’area scaraventa al volo in rete. Maran inserisce subito Farias per Joao Pedro, ma all’81’ l’Empoli a sorpresa ribalta tutto: Zajc prende palla al limite, corre verso la porta e fa partire un sinistro potente che batte Cragno.

All’82’Barella si libera bene in palleggio, il destro si perde alto. All’84’ angolo di Srna, testa di Ionita, fuori di poco. Il Cagliari non si arrende, sa di non meritare la sconfitta e al 90’ raccoglie i frutti dei suoi sforzi: lancio di Barella per Farias che vince il contrasto con Veseli e di esterno destro batte Provedel. Nei tre minuti di recupero nuova azione pericolosa dell’Empoli, è Pavoletti a sbrogliare una situazione intricata provocata da una serie di dribbling di Ucan in piena area.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *