RIPARTIRE DA ZERO CON UN NUOVO ASSESSORE DI RIFERIMENTO: RISORSE E TRASPORTI LE TEMATICHE CALDE NEL DIRETTIVO NAZIONALE F.A.S.I. A MILANO


di Maria Adelasia Divona e Massimiliano Perlato

Rimane incerto il futuro delle associazioni sarde in Italia, dopo l’annus horribilis che ha bloccato progetti e programmi  a causa del taglio perentorio dei finanziamenti da parte della Regione Sardegna per il  2013,. Questo il leit motiv che ha caratterizzato l’ultimo Consiglio Nazionale della F.A.S.I. dove si sono ricongiunti presso la Sala Convegni del Consiglio Regionale della Lombardia i settanta delegati dei circoli sparsi nella Penisola. A esporre i passaggi cruciali che hanno contrassegnato gli ultimi mesi della Federazione nei complicati rapporti con l’Assessorato a Cagliari, è la Presidente Serafina Mascia, in carica dal Congresso di Abano Terme del 2011: “Per quest’anno – ha evidenziato – è previsto un taglio alle sovvenzioni pari al 70% di quanto predisposto lo scorso anno”. Effettivamente anche le risorse destinate per le attività del 2012 avevano avuto un sostanziale ridimensionamento nonostante le promesse dell’Assessorato nell’ultima infuocata riunione della Consulta svoltasi nel capoluogo sardo, di rivedere al rialzo le cifre da assegnare principalmente per tutelare e mantenere in vita la grande rete dell’emigrazione sarda nel mondo che si riconosce nei circoli. Promesse che pare si siano sciolte come neve al sole, se si fa riferimento alla notizia di questi giorni relativa all’ennesimo rimpasto della giunta guidata da Cappellacci, e che ha portato all’ennesimo cambiamento dell’Assessore di riferimento per l’emigrazione. Così, dopo le performance passate di Francesco Manca (discreto) e di Antonello Liori (insufficiente) è giunto il momento di Mariano Ignazio Contu al quale, ripartendo da zero, spetta l’onere di recuperare il dialogo istituzionale, per quei mesi che mancano alle elezioni regionali previste nel 2014, con l’emigrazione sarda organizzata, tanto bistrattata quanto ineluttabilmente problematica. E si che il neo Assessore non dovrebbe avere problemi a mantenere buoni rapporti coi Circoli, in buon numero da lui già contattati come supporter “in trasferta” per la squadra femminile del Selargius Basket di cui è presidente. La sopravvivenza continua ad essere fortemente a rischio, ha affermato allarmata  Mascia tanto che il primo circolo a chiudere la serranda è quello di Chioggia. Altri si angustiano con conti bancari in rosso, con diversi fidi aperti, con prestiti procacciati genuinamente per arrivare a plasmare l’attività culturale necessaria per guardare avanti. La Presidente F.A.S.I. enuncia come sia indispensabile reinventarsi per carpire nuove risorse e soprattutto certezze. Le stesse che non sopraggiungono più dall’isola. Ipotizzata anche una grande manifestazione che possa coinvolgere anche le Federazioni dell’estero per mettere in evidenza, per quei profani ancora all’oscuro nelle varie stanze dei bottoni, delle virtù e dei benefici apportati dalla rete degli emigrati. Espletate dagli organi competenti le formalità dell’approvazione del rendiconto consuntivo del 2012 e del preventivo di spesa del 2013 della F.A.S.I., la discussione, per certi versi anche animata, si è spostata sulla questione trasporti e sul Centro Servizi FASI – Eurotarget, l’agenzia di viaggi al servizio degli emigrati che emette biglietti scontati grazie alle convenzioni stipulate dalla Federazione con le principali compagnie di navigazione. Nei prossimi mesi la Federazione acquisirà le quote per condurre in toto la società (attualmente la F.A.S.I. ne gestisce il 49%). Tonino Mulas, Presidente Emerito F.A.S.I. e responsabile del settore trasporti, diverrà amministratore delegato della società, definita un vero e proprio gioiello operativo ed economico dai risultati eccezionalmente consistenti anche in tempo di crisi, e con un margine di crescita ancora notevole. Tante le battaglie portate avanti negli ultimi lustri in tema di continuità territoriale e grandi accordi con i vettori del trasporto a favore dei sardi. Il primo scopo, evidenzia Mulas,è creare un servizio per i sardi vicini ai Circoli; il secondo è quello di reggere un rapporto stretto con loro, attraverso il tesseramento, che è vitale per l’esistenza stessa delle nostre associazioni, oltre che inderogabile nei patti firmati con i vettori; il terzo è quello di presentarsi alle Compagnie, grazie a questa rete e alla sua consistenza, anche economica, non in ordine sparso, ma con una capacità di contrattazione. Grazie alle convenzioni F.A.S.I., gli utenti vecchi e nuovi riescono a ottenere tariffe con notevole risparmio, rispetto a quelle offerte dai vettori sui loro siti web ufficiali. Presentato infine anche il nuovo sito della FASI, attraverso il quale, si spera, sia possibile ovviare a quelli che sono stati definiti da più fronti “difetti di comunicazione” tra l’esecutivo e la base in tutte le sue componenti (presidenti di Circolo, ma anche coordinamento giovani e donne). Il nuovo sito, quindi, oltre a proporsi con una nuova sezione dedicata agli eventi, nella quale i circoli possono inserire i programmi delle loro attività in un apposito calendario che funge da vetrina delle iniziative, potrebbe anche veicolare, favorendo la trasparenza, le proposte e le decisioni adottate in sede di esecutivo, bypassando così il passaggio intermedio del trasferimento di informazioni attuato in ordine sparso da i coordinatori di circoscrizione che a volte ha prodotto buchi informativi tra la Federazione e le sedi territoriali.

Una risposta a “RIPARTIRE DA ZERO CON UN NUOVO ASSESSORE DI RIFERIMENTO: RISORSE E TRASPORTI LE TEMATICHE CALDE NEL DIRETTIVO NAZIONALE F.A.S.I. A MILANO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *