PROSPETTIVE 2011 IN DISCUSSIONE FRA GLI EMIGRATI SARDI DELLA LOMBARDIA: CONGRESSO F.A.S.I. E LA MOSTRA "FRATELLI D'ITALIA"


di Massimiliano Perlato

Si è svolta al circolo AMIS di Cinisello Balsamo la riunione di circoscrizione dei circoli sardi della Lombardia. Al cospetto del coordinatore Antonello Argiolas, hanno relazionato ai delegati delle 20 associazioni presenti sul territorio, Tonino Mulas, Presidente della F.A.S.I. e Filippo Soggiu, responsabile del settore Trasporti. Sotto i riflettori l’attività culturale dei circoli da ultimare in questa ultima parte del 2010. Argiolas ha invitato i circoli ad usufruire al meglio delle risorse a disposizione, magari cercando di sfruttare coloro che vengono dalla Sardegna per partecipare alle manifestazioni, in più circoli. E’ importante, ha rimarcato Argiolas che è anche Presidente del circolo “Deledda” di Magenta, cercare di comunicare anzitempo le iniziative di ogni associazione, in modo tale da avere un quadro completo per poter eventualmente dare origine un “gemellaggio” sull’avvenimento in altri luoghi in date ravvicinate. Per quanto concerne le attività dei circoli sardi della Lombardia per il 2011, il clou resterà “Sa Die de sa Sardigna”, che per l’ottava edizione convoglierà gli emigrati sardi nella città di Monza.

Tonino Mulas, a grandi linee, ha proiettato lo sguardo al 2011, quando si terrà il Congresso della F.A.S.I. In linea di massima, ha evidenziato Mulas, l’appuntamento sarà per la prima decade del mese di aprile. Luogo del Congresso? Sono differenti i motivi che graveranno sull’ubicazione dello stesso. La scelta sarà dettata soprattutto dal fattore economico: si eseguirà sicuramente un calcolo sulle risorse a disposizione e le città candidate, giocoforza, saranno Milano (come nel 2006) o verosimilmente Padova. Mulas ha voluto far comprendere che il mondo dell’emigrazione sarda è cambiato e di conseguenza anche i risvolti delle associazioni devono mutare. “In Sardegna ci vedono come quelli che stanno tramontando – ha marcato con accuratezza – dobbiamo riproporci e aprirci ancora di più sul territorio e alle nuove generazioni di emigrati”.

I giovani: altra nota dolente per i circoli dei sardi che stanno invecchiando. E’ indispensabile far pervenire al prossimo Congresso, delle forze nuove con brama di produrre. L’imperativo lanciato ai circoli è proprio quello di andare in cerca di giovani che ritraggono la risorsa essenziale per dare continuità alla vita delle associazioni sarde.  Dando un’occhiata all’attività politica in Sardegna, Mulas ha fatto cenno sulle recenti metamorfosi in Giunta con il “Cappellacci bis”, con l’avvicendamento di diversi assessorati con cui la F.A.S.I. coadiuva strettamente. Se l’Assessore al Lavoro è rimasto lo stesso (Franco Manca), nuovi dialoghi si stanno stagliando all’orizzonte con Angelo Carta, nuovo Assessore ai Trasporti e Luigi Crisponi al Turismo. Le vicende politiche in Sardegna, ha rilevato Mulas, causeranno drastici tagli nei bilanci. Tagli che comprometteranno fortemente anche il mondo migratorio: bisogna prepararsi a queste situazioni che penalizzeranno l’attività culturale in futuro delle associazioni presenti sul territorio nazionale. L’ultimo punto affrontato da Mulas riguarda il progetto F.A.S.I. “Fratelli d’Italia”, creato in occasione della ricorrenza del 150° anno dalla Unità d’Italia. La F.A.S.I. ha inteso celebrare la commemorazione con la mostra su concorso a premi destinato ad illustratori, autori satirici e cartonisti italiani e stranieri. L’evento è stato inserito tra le iniziative ufficiali approvate dall’Unità Tecnica di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri. La prima fase dell’iniziativa  si è appena conclusa con la ricezione delle opere in concorso. Il risultato ottenuto è stato sorprendente. Hanno partecipato 489 artisti (300 artisti italiani e 189 artisti stranieri in rappresentanza di 53 Paesi) inviando 1190 opere. Tra queste sono pervenute 5 sculture e 18 quadri. La qualità delle opere pervenute è assolutamente ineccepibile. La mostra sarà di proprietà della F.A.S.I. che la donerà a un paese della Sardegna (Burgos) per aprire un museo dell’illustrazione e della satira, che è assente nel panorama museale della nostra isola. Nel 2011 si svolgeranno quattro mostre in grandi città: Torino, Firenze, Roma e Cagliari.

Filippo Soggiu, ha mostrato il quadro aggiornato all’agosto 2010 sul movimento del settore trasporti con il Centro Servizi F.A.S.I. – Eurotarget Viaggi. Complice la crisi e anche la poca chiarezza  dei vettori del trasporto navale e aereo in un’incerta “continuità territoriale”, c’è stato un decremento nella bigliettazione rispetto al 2009.

Momento di riflessione conclusivo dedicato agli ultimi caduti dei saldati italiani in Afghanistan. Fra questi, un pensiero a Gianmarco Manca, nipote di Pinuccio, poeta originario di Pozzomaggiore e personaggio storico del circolo “Deledda” di Pisa, mancato lo scorso anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *