GRANDE SUCCESSO ALLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA PER “L’AGNELLO” DI MARIO PIREDDA

Frame tratto da L’Agnello di Mario Piredda
di BRUNO CULEDDU

Felice debutto per “L’Agnello” di Mario Piredda alla Festa del Cinema di Roma.

La pellicola del regista sassarese, in concorso nella sezione autonoma e parallela “Alice nella Città”, ha conquistato il pubblico romano guadagnandosi ampi consensi e lunghi applausi.

“L’Agnello” racconta la storia di Anita (Nora Stassi), una diciassettenne immersa in una difficile situazione familiare. La ragazza vive in Sardegna insieme al padre Jacopo, che è malato di leucemia e avrebbe bisogno con urgenza di un trapianto. I tempi d’attesa per la ricerca di un donatore sono troppo lunghi rispetto al progredire della malattia e, anche se i parenti hanno più probabilità di essere compatibili, non lo sono né Anita né suo nonno Tonino – un vecchio pastore che abita su un altopiano accanto a un’area militare. Jacopo ha un solo fratello, Gaetano, che vive dall’altra parte dell’Isola. I due non si parlano da anni a causa di un feroce litigio che non sembrano intenzionati a dimenticare. Con l’aiuto del nonno, ad Anita non resta che presentarsi a casa dello zio, determinata a ricucire gli strappi del passato, pur di convincerlo a fare le analisi che potrebbero salvare la vita di suo padre.

Dopo il corto “A casa mia”, vincitore nel 2017 di un David di Donatello, la pellicola è il primo lungometraggio del regista. L’opera è stata prodotta da Articulture, Mat Productions con Rai Cinema, supportata dalla Regione Autonoma della Sardegna con il contributo di Fondazione Sardegna Film Commission e Società Umanitaria – Cineteca Sarda.

Non vediamo l’ora di vederla nei cinema di tutta Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *