LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO "FLAVIA E IL MINATORE" DI FABRIZIO FENU AL CIRCOLO SARDO DI GINEVRA IN SVIZZERA


di Davide Caria

Si è tenuto al circolo sardo di Ginevra un incontro con l’autore sardo Fabrizio Fenu, che nel contesto di un argomento particolare, ha presentato il suo libro “Flavia e il minatore”, Ed. Arkadia 2010. Fabrizio Fenu, esperto del mondo minerario sardo e della condizione lavorativa dei minatori del Sulcis è riuscito a trasmettere al numeroso pubblico presente la dura realtà di una situazione che si prospettava all’epoca come un’opportunità di benessere per tutta una regione, e che si è rivelata purtroppo come una tragedia. L’accenno storico è stato ben messo in evidenza dalla proiezione di un filmato dell’epoca sulla reclame della Grande Miniera di Serbariu, di tipica propaganda fascista. Decine di migliaia di persone, dalla Sardegna ma anche da altre regioni d’Italia, accorrono a Carbonia, una città nata dal nulla, attirate dalla speranza di un futuro migliore. La miniera, avvolta da mistero, non produce i tesori nascosti nei sogni di tanta povera gente. Nelle viscere della terra si trova solo carbone, peraltro di pessima qualità, estratto al prezzo di un duro lavoro, il rischio e la paura sono il pane quotidiano. Molti pagheranno con la malattia o addirittura con la propria vita. C’è un momento di emozione alla lettura di alcuni passaggi del libro da parte della referente della casa editrice Arkadia: Graziella Puddu, che ha accompagnato l’autore durante la sua presentazione. Tante le domande da parte di un pubblico molto attento, che è stato letteralmente trasportato nelle miniere, per fortuna solo per la durata della conferenza. Al termine, la presidente del circolo Lorenzina Zuddas ha ringraziato tutti e ha invitato i presenti ad un rinfresco, durante il quale i commenti e le discussioni hanno continuato a ruotare intorno all’argomento che ha tanto appassionato i sardi di Ginevra e i loro ospiti d’oltre mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *