LA CARTA INTERNAZIONALE DELL'ARTIGIANATO ARTISTICO: ANCHE LA REGIONE SARDEGNA DA' LA SUA ADESIONE

manufatto sardo

di Cristoforo Puddu

Dopo la Toscana, Abruzzo, Molise, Liguria e Lazio anche la Regione Sardegna aderisce alla “Carta Internazionale dell’Artigianato Artistico”, documento di base per lo sviluppo, la tutela e valorizzazione delle produzioni artistiche tradizionali in una condivisione d’intenti internazionali e di comunanza tra le regioni italiane e i Paesi dell’area mediterranea. Con la “Carta” si definisce che “la creatività artigianale è la prima manifestazione che ha accompagnato la comparsa dell’umanità” e costituisce “la prima testimonianza identitaria della presenza della vita”; oltre il valore artistico ed economico, si riconosce all’artigianato il profondo valore culturale e sociale in quanto depositario di conoscenze produttive e creative coltivate per appartenenza ad un esclusivo territorio e storia. La “Carta” registra importanti riconoscimenti istituzionali (Ministero dello Sviluppo economico italiano e Ministero Commercio e Artigianato francese) e professionali (CNA e Confartigianato Imprese italiane, Atelier d’Art de France, Kyoto traditional Art and Crafts sponsorship Foundation, Oficio y Arte e Ufficio nazionale dell’Artigianato tunisino). “L’adesione alla ‘Carta’ -secondo l’assessore regionale del Turismo, Artigianato e Commercio- potrà essere utile soprattutto alla valorizzazione delle micro-piccole imprese dell’artigianato che con la loro opera promuovono l’immagine della Sardegna”.

Una risposta a “LA CARTA INTERNAZIONALE DELL'ARTIGIANATO ARTISTICO: ANCHE LA REGIONE SARDEGNA DA' LA SUA ADESIONE”

  1. Era ora , ottima notizia per il nostro patrimonio artigianale!!!!
    Ma valorizzare e sostenere le piccole imprese non basta, la REGIONE devrebbe promuovere la diffusione e la commercializzazione dei prodotti, al di fuori dell’isola durante il corso di tutto l’anno.
    Da parecchio i laboratori chiudono, perché? Non si riesce a far fronte alla concorrenza dei prezzi e produzioni a basso costo, giustamente dai paesi dell’area Mediterranea.
    A mio avviso produrre non basta, bisogna anche saper vendere i prodotti sopratutto tramite questa Carta.
    L’atelier d’art de France è una federazione dei mestieri d’arte, in effetti cerca di estendere le sue azioni all’internazionale e favorisce gli scambi e le collaborazioni dando l’opportunità agli artigiani di incontrarsi con le altre culture.
    In Francia il progetto "Manu Maestria" che è a livello regionale, formano le piccole imprese per svilupparsi, innovare fabricare e sopratutto VENDERE.
    Come? Fanno partenariati in tutto il mondo!
    Altrimenti sarebbe come avere un tesoro chiuso in casa….ma solo carico di riconoscimeti!
    Vi auguro un prosperoso e generoso Anno 2012!
    Giusy Porru
    Parigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *