DIFFERENZE AMBIENTALI E RIFLESSI SULLA SALUTE RESPIRATORIA. CONVEGNO ALL’UNIVERSITA’ DI PAVIA IL 17 NOVEMBRE ORGANIZZATO DAL CIRCOLO “LOGUDORO”

evento segnalato da LUCIO CASALI

Programma

Saluti della presidente del “Logudoro” (dott.ssa Paola Pisano) e delle autorità 

Apertura e Coordinamento dei lavori:

Prof. Lucio Casali  (già Professore Ordinario di Malattie dell’Apparato Respiratorio presso l’Università di Perugia) 

Relazioni:

Prof. Carlo Grassi (Emerito di Malattie dell’Apparato Respiratorio  presso l’Università di Pavia) “L’ apporto di collaborazione delle Università del ‘continente’ alla medicina respiratoria in Sardegna nella seconda metà del secolo trascorso”

Prof. Pietro Pirina (Professore Associato di Malattie dell’Apparato Respiratorio presso l’Università di Sassari) “Asma e broncopneumopatie croniche a Sassari”

Prof. Angelo Guido Corsico (Professore Associato di Malattie dell’Apparato Respiratorio presso l’Università di Pavia) “Asma e broncopneumopatie croniche a Pavia”

A conclusione, buffet a base di prodotti sardi.

IL CONVEGNO è rivolto alla popolazione generale, pur non escludendo la possibilità che partecipino anche cultori della materia o interessati ad essa.

Il tema riguarda la prevalenza di Asma e BPCO (BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva) nelle aree di Pavia e di Sassari secondo i dati delle ricerche inserite nello studio GEIRD  (Gene Environment Interactions in RespiratoryDiseases). GEIRD è un progetto multidisciplinare mirato a raccogliere informazioni standardizzate su biomarcatori di infiammazione e stress ossidativo, esposizioni individuali ed ecologiche (inquinanti ambientali e domestici), dieta, esposizioni infantili, caratteri genetici e assunzione di farmaci, in un’ampia serie di fenotipi di asma, rinite e BPCO accuratamente definiti.

Allo studio GEIRD i relatori hanno partecipato con successo come testimoniato dai loro contributi in ambito scientifico. Tuttavia, poiché si tratta di battere il tasto dell’ ambiente più o meno compromesso, si farà  riferimento ai dati che si riscontrano nelle due  aree prese in esame  (Sassari e Pavia) confrontandoli e collegandoli, ove possibile, alla prevalenza delle patologie in discussione.

Questo convegno intende fungere anche da collegamento tra le due realtà (Pavia e Sassari o più genericamente tra Lombardia e Sardegna) in modo tale che la popolazione, in questo caso di Pavia, che comprende una vasta componente di Sardi di varie generazioni, possa essere interessata al tema. 

PRESENTAZIONE. Un documento congiunto di EuropeanRespiratory Society e di American ThoracicSociety  risalente allo scorso anno sottolinea come l’inquinamento atmosferico possa essere responsabile di gravi danni a carico di vari apparati ed organi. Tra questi figura ovviamente l’Apparato respiratorio in funzione dei  milioni di litri d’aria a cui tutti gli esseri viventi nel corso della loro vita sono costretti ad attingere attraverso il processo di ventilazione.

Limitando il discorso solo a questo campo si deve sottolineare come patologie quali i Tumori del polmone, le Polmoniti, l’Asma , la Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) trovino il massimo riscontro. Accanto a ciò è opportuno segnalare anche che l’inquinamento ambientale può causare importanti limitazioni a carico della funzione respiratoria e, in età pediatrica o neonatale, persino una limitazione dello sviluppo del polmone.

Devono quindi doverosamente  mantenere alta l’attenzione nei confronti di tale situazione sia gli studiosi, sia la popolazione generale e sia i politici,  dai quali  dipendono quei provvedimenti virtuosi che possono tutelare la salute delle persone.

Proprio in questa ottica il Circolo Culturale Sardo “Logudoro” di Pavia  ha inteso organizzare l’attuale convegno offrendo al pubblico i dati di studi inerenti due patologie come Asma e BPCO così come si sono rilevati nelle aree di Pavia e di Sassari, due realtà geograficamente molto lontane,  in grado tuttavia di condividere elementi comuni.

In considerazione  degli argomenti trattati è importante sottolineare anche il ruolo della comunità scientifica che ha inteso mettere a disposizione  i frutti delle proprie ricerche affinché vi sia una importante presa d’atto da parte di tutti coloro che si sentano coinvolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *