I LEGAMI DI SILVIA: LA PIRAS, ARTISTA DI DECIMOPUTZU CON UN CUORE DA RAGAZZA DI CAMPAGNA

 

ph: Silvia Piras

di Marcello Atzeni

Ama talmente il fuoco che si è fatta i capelli di quel colore: Silvia ( Piras) dai capelli rossi è difficilmente incanalabile : pittrice, scultrice, fotografa, filmaker. Dopo il liceo artistico a Cagliari, ha frequentato l’Accademia delle belle arti, a Sassari. Lì le hanno insegnato i fondamentali, per usare il gergo calcistico, ma la genialità e la poliedricità, sono nate con lei. Mentre i capelli coprono buona parte del maglione grigio, le sue gambe sono coperte da calzoni millefiori. Se li vedesse uno sciame d’api, ci farebbe un pensierino. Le scarpe hanno i brillantini, i piedi prima di cascarci dentro, si riscaldano in un paio di calze azzurro intenso.

“ Perché vuol vedere le mani? E’ un poliziotto?” Scherza, le mostra, fronte e retro. Le unghie, quelle esterne sono nere come questi tempi, quelle centrali blue velvet.

Divide la  casa con cinque amici.

Quattro gatti, di cui uno è di dimensioni elefantiache e un cane, Tubo. Catodico, di cognome? No, risponde, digerente.

I primi vagiti dell’arte di Silvia ci guardano: sono delle sfere con al centro un occhio. Vivono tra libri, cd e 33 giri. A un giro di valzer da una radio che profuma di Rabagliati e Natalino Otto.

I libri  di cinema, spiritualità, cucina, romanzi, psicologia e altro ,albergano in ogni angolo. Ma la vita di Silvia è, fondamentalmente, un pezzo di corda, meglio di fune. No, nessun nesso coi cavalli ed esecuzioni sommarie. Il Far west è veramente lontano . Una parrucca che indossa la fa sembrare Whoopi  Goldberg. E sempre  la stessa corda serve per dare la parola a teste pensanti e, in qualche caso, parlanti. La corda  lega le persone : legami sentimentali e legami di dipendenza. Fune che avvolge parole, emozioni, animali dalla doppia personalità. Esce dalla bocca e lega piccoli cuori sospesi. Spesso i cuori sono così. Agitati. Ma legati ? Le sculture sono realizzate con l’argilla rubata a un monte, lavorata in casa e cotta in un forno. La terra che passa tra le mani di Silvia dai capelli rossi, è foriera di sensazioni  vecchie e nuove. La natura attira l’artista di Decimoputzu e viceversa. Nel bagno l’accappatoio è appollaiato in un albero , a poca  distanza dal piatto doccia che sembra un pezzo, realizzato da lei, di arte precolombiana. Scrive riflessioni, scatta foto in ogni dove  e gira video con il telefonino.  In uno scherza col fuoco e lega il cugino. E’ un suo punto di riferimento. Parla  del suo terzo festival degli sciamani.

I nostri, dice, non quelli americani. Un festival/festa che si realizza in campagna e che coinvolge, attori, musicisti, scrittori, danzatori e adoratori, come lei, della  madre terra. E’ rapita dalla nostra millenaria cultura.  Mentre parla, cammina :da una scarpa, le stringhe scivolano verso il pavimento. Conosco tanta gente, dice. Anche io, le rispondo. Da certi non mi farei legare neanche le scarpe e nel mentre, faccio un fiocco sullo scarponcino nero carbone.  Il prossimo passo Silvia, lo farà sul palcoscenico. Reciterà ,non con le parole. Si esprimerà con i gesti, l’ondeggiare del corpo e lo strabuzzare degli occhi. Mentre i capelli sono piegati dal maestrale ,sogna…

I sogni si raccontano dopo, perché se lo fai prima non si realizzano. Per ora sono legati dentro il suo cuore di ragazza di campagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *