LA MOSTRA DI PATRIZIA FLORIS "GHIZAS E AMMENTOS, OMINES E PINZOS" A LODE'


evento segnalato da Angelo Canu

Il Ceamal, in collaborazione con il Comune e la Biblioteca di Lodè, il Parco Tepilora, l’Ass. Adotta un Albero e il Comitato Santa Lucia – Leva 1991, è lieto di presentare la mostra artistica “GHIZAS E AMMENTOS, ÒMINES E PINZOS” di Patrizia Floris, artista nuorese residente a Posada, diplomata all’Istituto d’Arte Ciusa Romagna di Nuoro. La mostra sarà inaugurata presso la sala consiliare lunedì 29 alle ore 16.00 e avrà i seguenti orari: martedì, mercoledì, venerdì e sabato ore 8,30-12,00 e ore 16,00-19,00, giovedì ore 16,00-19,00. La mostra si colloca all’interno della settimana che porterà alla festa di Santa Lucia, il 2/3/4 settembre, organizzata dal comitato Leva 1991.

Patrizia Floris si presenta in tutta la sua ecletticità: dopo il diploma inizia subito un’intensa attività legata al mondo dell’arte che deve però interrompere: “Purtroppo lascio la mia passione per altri lavori che, comunque non mi danno la soddisfazione che mi regala la pittura ed in genere, tutti i lavori creativi ed artistici”. Da qualche anno riprende pressoché a pieno regime la sua attività, partecipando a diverse mostre e a diversi eventi culturali. Decorazione vetri, intaglio del legno, realizzazione murales, incisione su vetro e metalli: una vera e propria artista a 360°

In “Ghizas e ammentos, òmines e pinzos” si darà spazio soprattutto a opere in olio su tela, in bianco e nero, in cui Floris racconta scene di vita quotidiana della Sardegna di un tempo. Essa mette in primo piano soprattutto elementi maschili, in abito tradizionale sardo a voler rimarcare le sue radici ed anche la nostra storia. Non mancheranno opere in ceramica in cui la tradizione si fonde con l’innovazione, dando vita ad opere artistiche uniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *