IL PUGILE-BAMBINO VERSO LONDRA: IL CAGLIARITANO MANUEL CAPPAI ALLE OLIMPIADI

comincia l'avventura olimpica per il giovanissimo Manuel Cappai

di Laura Puddu

Manuel Cappai ha solo diciannove anni ma nel suo immediato futuro ci sono le prossime Olimpiadi, che disputerà con un primato già in tasca: è il pugile italiano più giovane in assoluto a partecipare alla competizione. Cagliaritano, figlio d’arte (il padre Fabrizio era un boxeur ed è stato campione d’Italia), andrà a Londra a luglio e combatterà per la medaglia d’oro nella sezione minimosca (categoria49 chilogrammi). Con grande soddisfazione della Sardegna sportiva e della boxe sarda che, grazie a questo giovanissimo, sarà di nuovo rappresentata nei giochi sportivi più importanti al mondo, dopo ventiquattro anni. Sono bastati a Manuel poco più di tre anni per bruciare le tappe: la sua favola è cominciata nel gennaio del 2009, quando ha disputato il primo incontro. Sono seguiti dodici mesi di vittorie e di titoli conquistati. La prima convocazione in nazionale arriva nel 2010, ma solo come premio per aver vinto il campionato italiano a soli diciassette anni, perché non riponevano molte speranze in lui. Si sono dovuti ricredere, a suon di pugni. Quelli che Manuel ha dato agli avversari, sempre nel rispetto delle regole del gioco e col massimo della sportività. Poi il grande giorno: il diciotto aprile scorso ha ottenuto in Turchia la qualificazione alle Olimpiadi londinesi. E pensare che fino a quattro anni fa neanche gli interessava il pugilato, c’era solo il calcio che ha praticato per un decennio. Poi ha assistito a un incontro di Luciano Abis e qualcosa in lui è cambiato. Ha appeso le scarpette al chiodo e ha infilato i guantoni. Furbo, freddo sul ring e sicuro di sé, Manuel pian piano ha convinto tutti, dimostrando di poter battere anche l’avversario più temibile. E’ felicissimo perché sa che disputare un’olimpiade alla sua età è per pochi eletti e perché, con il suo traguardo, ha coronato anche il sogno del padre Fabrizio. Manuel quest’anno è diventato poliziotto e abita a Roma. In caserma si allena circa tre ore al giorno. Cinque quando è in ritiro con la nazionale. Le sue giornate scorrono poi accompagnate dagli hobbies, la musica, la fotografia e tanto sport, non solo boxe. Segue sempre il calcio, gli è rimasto nel cuore. E’ tifosissimo del Cagliari e dell’Inter. In Inghilterra andrà concentrato, motivato e, come sempre, sereno. Darà il massimo e non avrà paura di nessun avversario. Noi speriamo che a Londra si comporti da (mini) mosca fastidiosa e ci dia delle grandi soddisfazioni.

2 risposte a “IL PUGILE-BAMBINO VERSO LONDRA: IL CAGLIARITANO MANUEL CAPPAI ALLE OLIMPIADI”

  1. MANUEL CAPPAI, FIGLIO DI FABRIZIO (PUGILE) E NIPOTE DI ANGELINO (GRANDE POETA ESTEMPORANEO CAMPIDANESE) TUTTI QUARTESI CAPITO?

  2. Sono l’autrice dell’articolo. Per scriverlo, ho sentito Manuel Cappai in persona. Manuel è nato a Cagliari. E soprattutto, lui ha letto il pezzo (pubblicato su Cagliaripad), non ha fatto alcun appunto e l’ha condiviso più volte. E aggiungo: lo conosco bene, e conosco pure il padre perché ho amici che si allenano nella sua palestra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *