PARTITA A 18 ANNI DA CAGLIARI E' ORA A FORLI' PER STUDIARE "SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE"

l'autrice dell'articolo

di Marta Spiga

Mi chiamo Marta Spiga, ho 23 anni e vivo a Forlì, piccola città situata nella storica e bellissima regione della Romagna. Qui frequento il Corso Magistrale in “ Scienze Internazionali e Diplomatiche”che fa capo all’antica Università degli Studi di Bologna. Da sempre attenta osservatrice della politica nazionale e internazionale, amante dell’avventura e soprattutto della dimensione del viaggio ho avuto così la possibilità, e l’immensa fortuna di poter coniugare le mie passioni con i miei studi. Una felice tappa nella mia vita inserita in un cammino di formazione personale e accademica, che spesso si è costituito come un viaggio tortuoso ed incerto. La mia città di origine è infatti Cagliari, da cui sono partita appena diciottenne per frequentare il corso di laurea in Filosofia all’Università “La Sapienza” di Roma. La capitale mi ha dato enormi opportunità, dilatando i miei orizzonti culturali e professionali, ma anche consentendomi di crescere, affrontando situazioni meno “ a misura d’uomo”. Per circa due anni ho collaborato alla rivista romana  “Vespertilla”, ed altri periodici, occupandomi della recensione dei principali eventi artistici della vita culturale romana. Laureata in Bioetica con il massimo dei voti, ho iniziato ad affacciarmi su quella “valle di lacrime” che oggi costituisce il mondo occupazionale, e totalmente trascinata nel vortice dell’incertezza, come tanti altri ragazzi italiani ho deciso di fare le valigie e partire alla volta di Dublino. Con questo viaggio ha avuto inizio uno speciale e intenso rapporto con la “Tigre Celtica” che mi ha permesso di giungere ad una chiara e forse banale conclusione: il dovere di seguire le proprie aspirazioni a prescindere da tutto. Così a dispetto di scelte più economicamente remunerative, ha trionfato la forte passione per il mondo del giornalismo, e per la comunicazione in generale. Tornata in Italia ho scelto quella che mi sembrava la strada più affine ai miei obiettivi, serbando il desiderio di tornare in Irlanda appena fosse stato possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *