IL TALENTO DI ELENA CARTA, GIOVANE VOCE SARDA DALLE SORPRENDENTI SONORITA'

Elena Carta
Elena Carta

di Cristoforo Puddu

Il ricco panorama di voci femminili del canto in limba sarda, rappresentato ai massimi livelli per apprezzamento popolare e di critica da Elena Ledda, Maria Luisa Congiu, Maria Giovanna Cherchi, Carla Denule e il trio delle Balentes, registra l’interessante “rivelazione” ed ingresso della giovane Elena Carta di Budoni-Tanaunella.  Abbiamo potuto apprezzare l’unicità e armoniosità singolare della stupenda voce di Elena in due distinte esibizioni e condizioni ambientali: nella cerimoniale Sala Consiliare di Budoni (il sindaco dr. Pietro Brundu parla della concittadina con grande entusiasmo e orgoglio locale) e nella stupenda cornice, tra gli ulivi, dell’agriturismo “Country House – Tenuta Le Terre 1927” di San Teodoro. Il cantare della giovane artista si nota e conquista immediatamente, per la forte capacità espressiva di una voce con sorprendenti sonorità arcaiche e moderne che si rincorrono ed amalgamano, creando una sintonia unica e ammaliante di un caldo mix mediterraneo. Il linguaggio interpretativo della Carta, sia in sardo che nel vasto repertorio in italiano, si caratterizza con intensità emotiva  ed evidente pathos che comunica e suscita, vivo e partecipe, da abile e naturale “padrona” della scena. Elena Carta, nonostante la giovane età ha già realizzato diversi CD e collezionato alcune esperienze canore all’estero (Francia), è certamente una di quelle voci da seguire e che segue il corso dell’attuale evoluzione del canto e musica sarda, nel segno distintivo di valorizzazione della tradizione, con elaborazioni e contributi di diverse culture ed interessanti sperimentazioni.

Una risposta a “IL TALENTO DI ELENA CARTA, GIOVANE VOCE SARDA DALLE SORPRENDENTI SONORITA'”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *