DAL 12 MARZO PRENDE IL VIA IL LABORATORIO LINGUISTICO PER “L’ATENEU ALGUERES”

Alghero

segnalazione di GIANNI CILLOCO

Venerdì 12 marzo, alle 18, prenderà il via il Laboratorio linguistico di promozione turistica organizzato dall’Ateneu algueres per la realizzazione di “Itinerari culturali identitari” attraverso l’uso del catalano di Alghero. Entro la stessa data. sarà ancora possibile l’iscrizione al corso.

L’Ateneu, che ha realizzato il progetto, ne cura la realizzazione in collaborazione con l’Assessorato comunale alla Cultura e turismo. Il laboratorio è totalmente gratuito e avrà la durata di trenta ore,. Le lezioni saranno on-line, con sessioni prevalentemente di due ore consecutive. Il laboratorio funziona con il metodo dell’auto-apprendimento, con un continuo dialogo e scambio di competenze: i partecipanti potranno parlare liberamente e confrontare le proprie conoscenze sui temi del laboratorio attraverso una partecipazione creativa. A chi frequenterà il corso, verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

I temi che verranno trattati sono: Territorio e paesaggio costiero. “Itinerario del mare e della conquista”: fortificazioni urbane, sistema paesaggistico delle torri costiere aragonesi; località marine luogo di famose battaglie; Territorio, paesaggio urbano e costiero. “Itinerario della pesca”: dai luoghi della produzione di reti e nasse, all’attività cantieristica dei maestri d’ascia e calafats, alle imbarcazioni tradizionali della marineria algherese, al linguaggio dei marinai, alle tecniche specifiche di pesca, fino allo storico Mercato Civico; Territorio, paesaggio agrario e costiero. “Itinerari della fede e della devozione catalano-algherese”: santuari, simulacri, luoghi ed oggetti di venerazione di origine catalana nonché riti e pratiche di devozione specifiche del territorio algherese, come il culto della Madonna di Valverde, il culto della Madonna dels Desamparats, processione e riti della Settimana Santa, processione a mare della Madonna della Mercede, culto e processione a mare della Madonna del Frontuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *