UN DOCUFILM PER RACCONTARE GRAZIA DELEDDA CON LA FAMOSA DOCUMENTARISTA 92ENNE CECILIA MANGINI E IL REGISTA PAOLO PISANELLI

Paolo Pisanelli con Cecilia Mangini

Un film documentario dedicato alla figura di Grazia Deledda. Lo gireranno Cecilia Mangini, che a 92 anni è la più grande documentarista italiana, in attività e il regista Paolo Pisanelli e lo faranno con un un viaggio attraverso lo sguardo della scrittrice per raccontare Nuoro la sua città natale e la Sardegna.
    Il lavoro è voluto e prodotto dall’Istituto Superiore Regionale Etnografico (Isre), in collaborazione con Officina Visioni e con il sostegno di Fondazione Sardegna Film Commission. “Già nel titolo ‘Grazia Deledda-parole e colori’ manifestiamo l’intento di raccontare la Sardegna di oggi attraverso lo sguardo acuto di Grazia, attentissimo a un mondo legato alle tradizioni ma anche rivoluzionario – ha spiegato Pisanelli -. Cercheremo di raccontare la grande scrittrice, i suoi luoghi e paesaggi, cercando di evocare le voci e le presenze di janas e folletti, quelle atmosfere che fanno parlare i morti, rendono vivo il passato e lo fondono al presente”.

 Per Cecilia Mangini, “Grazia Deledda non era solo una donna, ma era una grande persona. Ciò che scriveva non era destinato a sé ma era rivolto a tutti, donne e uomini, a un universo di persone con cui voleva entrare in contatto”. La documentarista parla anche dell’incontro con la scrittrice nuorese: “Lessi le opere della Deledda quando ero molto giovane, mi colpì molto il suo modo di essere universale”.
    Entusiasta dell’iniziativa l’ispiratore del progetto, il presidente dell’Isre Giuseppe Matteo Pirisi: “Grazia Deledda non solo è una delle scrittrici più importanti e apprezzate del panorama letterario italiano, ma è stata l’unica donna italiana a vincere un Premio Nobel – ha sottolineato Pirisi – Siamo lieti che oggi la sua figura possa essere rivisitata da un’altra personalità di spicco del panorama culturale italiano come Cecilia Mangini. Questa collaborazione tra lei e Pisanelli sottolinea, una volta di più, il ruolo dell’Isre come laboratorio, luogo dove il cinema si teorizza, ma soprattutto si fa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *