PAGINE DI STORIA DELLA GRANDE GUERRA: LO SFACELO DI UN IMPERO ALLA STAZIONE DI BOLZANO

Foto dal volume “ La storia popolare illustrata della grande guerra”.
di DARIO DESSI'

Quest’immagine mostra, impietosa, ciò che era rimasto del potente esercito austro ungarico, mentre si apprestava a scappare dall’Italia a bordo dell’ultimo convoglio ferroviario, in partenza per il Brennero per raggiungere l’Austria.

Nell’autunno del 1918, dal Piave si era levata l’alba della vittoria per l’intesa. Il 24 ottobre 1918, attaccate dalle divisioni italiane e alleate vittoriose, le armate A.U. del Grappa e del Piave  resistettero per alcuni giorni per poi incominciare a cedere e a ripercorrere in senso inverso quelle strade del Veneto, che già un anno prima avevano percorso baldanzose, accompagnate dai canti di vittoria.  Di quelle truppe vittoriose non rimaneva altro che un  immane turba, infiacchita dalla sconfitta, dalla stanchezza, dalla fame e angosciata dall’ansia di ritornare in patria e dalla paura del domani.  In brevissimo tempo la ritirata delle truppe imperiali rupe i freni, degenerando in un completo sbandamento con l’abbandono di cavalli morti, di cannoni, di carri rovesciati, di mucchi di armi, di attrezzature varie nelle grandi vie di comunicazione verso la madre patria e nelle stazioni ferroviarie, quale segno evidente di una fuga scomposta e disastrosa. Il 31 ottobre il comando dell’esercito A.U.  aveva chiesto  ed ottenuto l’armistizio. Il 3 novembre, alle ore 15.00, in un pomeriggio brumoso, era sbarcato  dal Cacciatorpediniere Audace  il generale Pettiti, il futuro Governatore di Trieste. Contemporaneamente, quasi alla stessa ora, le prime pattuglie italiane entravano in Trento, issando il tricolore nel Castello del Buon Consiglio.

NOTE CONCLUSIVE

Finalmente la guerra era finita e la vittoria appariva trionfante all’orizzonte ma, ancora dovevano essere conteggiate le perdite umane e i costi economici e ancora dovevano essere fronteggiate le conseguenze delle epidemie e delle tensioni sociali. Lo spaventoso bilancio di quel conflitto, a parte i milioni di vite umane,  può essere riassunto in un disastro economico e culturale e nell’insorgere di regimi totalitari che avrebbero ancor più  contribuito a  trascinare nel baratro l’intera Europa, quel  continente che aveva da sempre primeggiato nel mondo intero.   

VITTORIA

Ecco chi sa Vittoria finalmente  Albione la mirat, ahi cale apparit trionfante in s’orizzonte.  Pinna podet descrier dignamente coment’è mai bella e sorridente.  Tantu giublu immensu generale.  

Ma finit – narat – finit dogni orrore. Finit su faeddare; e maestosa e i su tou populu afflittu   s’alzat de nou e parer de lontanu. Tet torrare a sa terra de s’amore celeste visione prodigiosa.  

Passat che lampu cun podere arcanu. Est su Grappa terribile, de fronte e  si firmat de bottu in s’aspru monte. Est su Piave chi curret veloce, fattu sacru a su cultu italianu,  totu trazende che i s’Acheronte.

Ahimé Sabotinu e Monte Santu,  ma totu cun costanzia superadu Podgora e Vodice han formadu hazis fortes, tenaces e gagliardos, De ois un’immensu campusantu,  Dae s’Alpe a su Carsu inambenadu. E poi in su silenziu austeru   esti su sinale, e prestu orribilmene ecco, rintronat poderosamente  sa musica infernale dad’isfogu Unu Colpu terribile e fieru  a sa tremenda lirica potente. E totu avvampat, ruat, unu fogu.  Poi s’interminabile coorte immensu est su pianu, e fogu e morte de sos pitticos fantes gloriosos  sun un’unica cosa in custu logu.  He una sola volontade forte superende sos milli e poderosos  dilagana in sa vasta pianura, ostaculos de s’arte e de natura,  In su monte, in dogn’adde, ue dolentes irresistibilmente impetuosos, fuint sos inimicos cun paura.

Como totu est findu, sas impuras e paghe, paghe implorant sas armadas e maleittas animas dannadas.  Distruttas, miserabiles, famidas rezzint sa pena e tantas isciaguras. Paghe ripitint che disperadas. Paghe sì, ca sunn troppu sas feridas Paghe! Ma dogni drittu sacrosantu su luttu, sa miseria, su piantu,  de su mundu chi totu insambenadu po tantas penas troppu incrudelidas sas pesantes cadenas had’infrantu.

Siad’ in bases solidas fundadu,  cust’est sa vera paghe, e solu gai senza chi da niunu plus mai  sunt sas minaccias totu eliminadas potat benner distruttu e calpestadu. De noas guerra, dolos e guai. Finidas sunt sas furias de Marte,  totta tempus felice, manifestu dogni lotta terribile, accanida, nos rende dogni cuadu tesoro.

E torrant tottu a su tribagliu, a s’arte. E faghe ancora ch’a su pius prestu torrent felices totu a terra insoro  senz’odiu, rancore né vinditta! A leare sas falches beneittas  po nde messare sas ispigas d’oro,                Novembre 1918. Gavinu Ruggiu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *