“EPICOS ZIGANTES”, POESIA DI ANGELO CURRELI, MUSICATA DA ANGELO FONTANA

[youtube HMZexLa9h4Y]

“Epicos Zigantes” una poesia scritta da Angelo Curreli, poeta e scrittore di Lodè, musicata da Angelo Fontana,cantautore e musicista di Tempio Pausania.
I versi ispirati dalle scoperte archeologiche che hanno cambiato la storia e le origine del popolo Sardo.
“I giganti di monte Prama” scoperte che hanno incuriosito tutto il mondo, la discendenza di un popolo che ha ispirato romanzi e film ,velati da mistero di una discendenza, tra il profano ed il sacro.
la poesia molto bella e piena di orgoglio sardo ha vinto diversi premi letterali.
Angelo Fontana, cantautore Tempiese ha musicato ed arrangiato il testo con grande piacere e soddisfazione ,oltre averlo cantato con grande umiltà e responsabilità per la lingua sarda.
Le fotografie di Lodé sono di Angelo Canu.
Ecco la poesia con traduzione in italiano :
Epicos zigantes
A bois zigantes de Monte Prama
A voi, giganti di Monte Prama
una cosa bos cherio dimandare,
volevo chiedervi
si benites dae terra o dae mare
Se siete venuti per terra o per mare
naratemi da inue enit custa fama.
Ditemi, da dove viene questa vostra fama
Azis fatu naschire unu misteru
Avete fatto nascere un bel mistero
e como toccat s’istoria a cambiare,
E adesso ci tocca cambiare la storia
un’iscoperta de importu aberu
Per questa importante scoperta
de custa terra nostra isola ‘e mare.
In questa nostra terra isola di mare
De su populu nuragicu s’aristocratzia,
Siete l aristrocrazia del popolo nuragico
de sos anticos sos omines mannos,
E dei nostri antichi i grandi uomini
mantenites memoria de s’isola bia
Conservate la memoria viva dell isola
e narates veritates chena ingannos.
Facendo vedere una veritá senza inganni
Sos antenatos nostros gherratores,
Siete i nostri antenati guerrieri
chi su populu nostru ana difesu,
Che hanno difeso il nostro popolo
lassande contos a nois benitores
e lasciato traccia a noi che siamo venuti dopo
omines nostros no enites dae attesu.
Uomini nostri non venite da lontano
Sezis unu sinnu discretu de memoria
Siete un segno discreto della nostra memoria
e torramos a iscriere cudda istoria,
Quindi riscriviamo quella storia
de su populu nostru prus anticu
De nostro antico popolo
chi nos at cantzellatu su prus riccu.
Che dai ricchi é stato cancellato
Bois sezis s’ammentu chi cherimos
Voi siete il ricordo che vogliamo
pro ischire de aberu chie vimos,
Per sapere chi siamo per davvero
o zigantes de custa terra nostra
O giganti di questa terra nostra
bessitos che miraculu dae sa crosta.
Usciti dalla crosta come un miracolo
Sentinellas de sa nostra memoria
Siete state le sentinelle della memoria
chi cunservatu an sa vita passata,
E avete conservato la vita passata
e iscriimos dae nou custa istoria,
Riscriviamo nuovamente questa storia 
chi bois azis mantesu tott’intatta.
Che avete mantenuto intatta
Como custu fachimos chin ardore,
Adesso lo facciamo con ardore
non permittimos de lu cuntestare,
E non permettiamo che sia contestato
s’istoria nostra potimos contare,
La nostra storia possiamo raccontare 
a sos populus e a sa zenia benitore.
Ai popoli e alle genti che verranno
Non prus una colonia date boche
Diffondete che non siamo una colonia
semos naschitos e istamos inoche
Siamo nati e rimaniamo qui
in su Mediterraneu in mesu ‘e mare
Nel mediterraneo in mezzo al mare
in custu tremene, chi devimos cunservare.
In questi confini, che dobbiamo conservare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *