UN PASSO DECISIVO VERSO UNA SALVEZZA AMPIAMENTE ANTICIPATA: IL CAGLIARI VINCE A CROTONE PER 2-1

ph: Murru, Borriello e Bruno Alves

 

I rossoblù tornano al successo in trasferta e pongono un mattoncino forse decisivo nella costruzione della salvezza. 2-1 in rimonta sul Crotone in una partita che  ha seguito il copione tattico previsto da Massimo Rastelli alla vigilia: lotta senza troppi fronzoli e gli acuti delle individualità a decidere il risultato. Nello specifico, ci ha pensato Marco Borriello con una vera prodezza a consegnare i 3 punti al Cagliari: un gioiello protetto nel migliore dei modi nei restanti minuti. Forse gli esteti avranno storto il naso, non è stata forse la migliore versione dei rossoblù, sul piano prettamente spettacolare, né poteva esserlo, data l’importanza della posta in palio; la squadra ha sofferto soprattutto nel primo tempo la veemenza dei calabresi, che si giocavano una grande fetta di salvezza; successivamente, anche grazie a qualche accorgimento tattico, il Cagliari ha spento le fonti di gioco del Crotone e al momento giusto è andato a colpire. Ed è arrivato il risultato pieno ad irrobustire ancora una classifica già buona. Quel che ci voleva, il risultato massimo. E senza il gol ingiustamente annullato a Ibarbo sette giorni fa, sarebbe stata doppietta lontano dal Sant’Elia. Conferma del miglioramento di questa squadra che troppe volte lontano da casa aveva sofferto: un progresso, comunque la si voglia vedere, coinciso con il ritorno di giocatori importanti rimasti assenti per settimane, se non per mesi. Adesso la salvezza è veramente a portata di mano.

Rastelli recupera Barella che ha scontato il turno di squalifica e lo schiera dall’inizio al posto di Tachtsidis, a sua volta fermato dal Giudice Sportivo. Il Crotone aggredisce pieno di rabbia sin dal fischio d’inizio e al 9’ passa in vantaggio: Stoian trova un corridoio sulla fascia sinistra, affonda e con un tiro preciso ad incrociare supera Gabriel. Non poteva iniziare peggio, la gara dei rossoblù. Il Crotone ha fiato ed entusiasmo: è soprattutto Stoian a rendersi pericoloso sulla fascia sinistra. Al 19’ Falcinelli si libera con una serie di finte all’interno dell’area, mette al mezzo un pallone radente sul quale Acosty, bene ostacolato da Murru, non arriva per un niente alla deviazione vincente da pochi passi. Al 21’ Stoian pesca Acosty che controlla spalle alla porta in area, ma non riesce a girarsi per il tiro. Al 28’ ancora Stoian alza un pallone in area per Falcinelli, fortunatamente l’attaccante calabrese cicca il tiro al volo. Il Cagliari non riesce a ritrovarsi, il pressing alto portato dal Crotone mette in difficoltà i rossoblù. A raddrizzare le cose, un episodio, come spesso succede nel calcio. Siamo al 31’, Dessena trova Isla con un cambio di campo. Il cileno avanza e centra un pallone forte e teso, Claiton è in anticipo, cerca il rinvio al volo, ma gli esce male e di fatto il suo intervento diventa uno stop per Joao Pedro che arriva da dietro e infila Cordaz con un tiro che il portiere tocca ma non può trattenere. Il pareggio è un colpo durissimo per il morale del Crotone mentre il Cagliari guadagna metri. Sfortunata la squadra rossoblù quando Sau, arrivato in corsa su tocco all’indietro di Ionita, fa partire un gran tiro fortunosamente respinto da Rosi, che rimane pure a terra infortunato.

Salgono di tono le prestazioni di molti rossoblù, in primis Dessena, Barella e Bruno Alves. Ottimo Pisacane, protagonista di una nuova prova convincente. Una sicurezza Murru sulla fascia sinistra, mentre Joao Pedro si dà un gran daffare sostenendo Sau e aiutando anche centrocampo e difesa. Al 54’ il primo cambio: dentro Borriello per Padoin. Un minuto dopo Crotone pericoloso: cross di Rosi, tiro al volo di Trotta da ottima posizione e palla fuori. Nel Crotone Nalini rileva Acosty. Poi è la volta anche di Di Gennaro per Dessena mentre il potente Simy nel Crotone sostituisce Trotta. Al 68’ il gol vincente: Borriello riceve il pallone spalle alla porta, improvvisa giravolta a saltare Claiton e sinistro preciso che coglie spiazzato Cordaz. Dentro subito Capuano per Sau, in modo da alzare il muro su Simy e sui cross di Martella. Il Crotone, ammirevole per generosità, ci prova, spedendo una serie di palloni all’interno dell’area. Si esalta Bruno Alves, che svetta su ogni traversone, puntuale e preciso con i suoi colpi di testa. L’ultima carta del Crotone è Rohden al posto dell’esausto Stoian: proprio lo svedese non arriva su una sponda di Falcinelli. I cinque minuti di recupero scivolano via senza palpiti. Il Cagliari espugna per la prima volta nella sua storia lo “Scida” dopo tre assalti falliti e soprattutto vola a +16 sul terz’ultimo posto. Bene così: domenica sotto con l’Inter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *