LONTANO DALLA SARDEGNA IL CAGLIARI SI SCOPRE TROPPO FRAGILE. ALTRA SONANTE SCONFITTA: IL TORINO VINCE 5-1


Lontano dal Sant’Elia il Cagliari non riesce ad ingranare. Il Torino vince 5-1 la sfida davanti al proprio pubblico per l’anticipo della dodicesima giornata di campionato. Una sconfitta netta, in una partita già indirizzata dopo i primi 10’. Granata in serata di vena, con il trio d’attacco in particolare evidenza. Poco da fare per il Cagliari che si è disperatamente aggrappato alla partita, ha ridotto le distanze sul finire del primo tempo, ma poi ha dovuto cedere ad un Torino apparso in gran forma.

Rastelli conferma la stessa squadra vista lunedì contro il Palermo, con eccezione di Melchiorri dall’inizio al posto di Di Gennaro e di Munari per Padoin. Il Torino parte fortissimo e al 2’ è già in vantaggio: lancio di Valdifiori per Belotti, tiro al volo respinto da Storari, la palla torna sui piedi del centravanti granata che scaraventa in rete. Una doccia gelata per il Cagliari, una iniezione di fiducia per il Torino. Al 6’ punizione maligna di Ljajic da posizione defilata che lambisce il palo. Il raddoppio però ritarda solo di qualche minuto: è proprio Ljajic a firmarlo, con un gran tiro da fuori area che assume una traiettoria stranissima e finisce fuori dalla portata di Storari. Siamo appena al 10’, il Torino insiste: Barreca, l’ex di turno, penetra in area, il suo tiro è deviato in angolo. Primo squillo rossoblù al 14’: corta respinta di testa di Castan, arriva Melchiorri che di sinistro tira di prima intenzione, Hart si oppone col corpo. Al 20’ provvidenziale intervento in scivolata di Munari, che impedisce la conclusione a Iago Falque, messo in azione da un tocco di Belotti. Al 34’ su un tiro di Sau, Hart la sta per combinare grossa: il pallone gli sfugge, ma il portiere inglese riesce a riprenderlo prima che oltrepassi la linea di porta. Al 36’ il Torino triplica, grazie ad un gran tiro di Benassi dalla destra che si infila proprio sotto l’incrocio dei pali. Il Cagliari prova a scuotersi e accorcia le distanze al 40’: cross di prima intenzione di Pisacane, imperioso lo stacco di Melchiorri che schiaccia a terra, Hart tocca ma la forza impressa al pallone è tale che non può impedire che rotoli in rete. Al 43’ Valdifiori di prima intenzione innesca Belotti, servizio per Iago Falque, uscita bassa di Storari che precede lo spagnolo.

Il Torino inizia la ripresa ancora a spron battuto. Una staffilata di sinistro di Barreca sfiora il palo. Al 51’ arriva il 4-1: Storari è bravissimo a distendersi e ribattere un gran tiro al volo di Iago Falque, raccoglie Ljajic, palla a Baselli che si porta la palla sul sinistro e conclude sotto la traversa. Subito dopo dentro Farias per Borriello. Al 56’ ecco il quinto gol: contatto Tachtsidis-Belotti, per l’arbitro è rigore. Farias protesta e viene ammonito, Dessena addirittura espulso. Dal dischetto il tiro di Belotti è forte, Storari tocca ma la palla finisce in rete. Il resto della partita è solo ordinaria amministrazione, il Torino mantiene il controllo, il Cagliari in dieci prova qualche azione di alleggerimento con Farias e Giannetti, subentrato a Melchiorri. In precedenza Padoin aveva rilevato Sau. Nel Torino dentro Obi, Martinez e Maxi Lopez per Baselli, Belotti e Ljajic. Il Cagliari resta a 16 punti: dopo 12 gare è comunque un ottimo bottino. Dopo la sosta, si riparte con una nuova trasferta, a Verona contro il Chievo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *