ATTERRAGGIO DI EMERGENZA PER IL VOLO ALITALIA MADRID – ROMA FIUMICINO: QUANDO IN UN ATTIMO RIVEDI LA TUA VITA


di Massimo Cugusi

Stasera ho ricevuto una bella lezioncina. Ero su quell’aereo, seduto accanto all’uscita di emergenza quando il comandante ha annunciato che non sarebbe stato come tutte le altre volte. E sono cominciati i dieci minuti più lunghi della mia vita. Preparandomi all’impatto, chino con la testa tra le ginocchia e gli occhi serrati, ho visto in anteprima assoluta il film della mia piccola, semplice esistenza. C’erano tanti di voi, le vostre facce, le voci, le carezze, i ricordi, i giorni, i minuti passati insieme e quelli non ho vissuto ma avrei voluto trascorrere. C’erano le persone che porto nel cuore, con le quali condivido le mie giornate, la mia famiglia, che mi sembrava stupido lasciare sole così, tutto d’un tratto, senza un vero perché. C’era tutto questo e tanto altro che non so ancora raccontare. C’era di sicuro la vita che sperava di beffare la morte. Ma soprattutto l’improvvisa consapevolezza di avere molto ricevuto e forse non sempre meritato. Tutto d’un tratto, mi sono sentito ricco. Ricco dell’esempio di mio padre anche se non posso più stringerlo, dell’abbraccio di mia madre, del primo e dell’ultimo bacio alla mia donna, dell’affetto dei miei amici, delle idee che ho per il domani. Forse non è un caso che quando il comandante è riuscito miracolosamente ad atterrare senza carrello, sia toccato proprio a me aprire il portellone ed aiutare altri passeggeri a lanciarsi lungo gli scivoli. Vorrei essere sempre lì, d’ora in poi, dove serve una mano per rialzarsi da una caduta, per raggiungere una salvezza, per coltivare una speranza. Sono un uomo ricco e non lo sapevo. E da oggi ho un debito con la vita che voglio onorare ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *