PER CRISTOFORO PUDDU, UN RICONOSCIMENTO ALLA 54esima EDIZIONE DEL "PREMIO OZIERI" NELLA SEZIONE POESIA SARDA INEDITA "ANTONIO SANNA"

Cristoforo Puddu

poesia di Cristoforo Puddu

PRUSATOTU COMO

Prusatotu como,

chi atraesso atesu

in carrelas istanzas,

m’atzibbant saliosu s’animu

totu cussos indìssios

e sinnos de dìligu incantu

chi moent sonos e sentidos.

Como, prus de deris, apo craros

sos matessi sonos simplitzes

manizados in annos de Illorai

e imberghidos a peràulas impreadas

e tzelebradas cun amore,

pro gosu o suferèntzia,

dae sa zente costerina

 e dae lieros Mannos mios.

E como, cussos pessos

chi babbu non cumprit prus

e mamma meledat

cun pramizos de mutricore,

assimizant in pienesa

 – che  zunchillos de aschisorzu

e pèrelas de irranare

pro una pregadoria lumenosa –

a su limbazu fungudu

chi creschet in sa ‘oghe mia.

In sa maghia de peràulas

framadas de infinidu

mi chistionant de raighinas

in mannantiales benas de umanidade

chi omines imbenteris e attrividos

ant illacanadu in donzi leada

pro conchistare e sestare unu cras,

mentras su sole irmurinat

e avreschet de nou cun meraviza,

chentza perunu carculu,

pro calesisiat èssere e alenu

disconnotu e indiferente.

E su tempus fitianu

suprit in currinzu ischìbbulu,

fuiditu pro èssere contivizadu.

 

SE PUR LONTANO*

Se pur lontano, adesso che percorro sentieri forestieri,

mi alimentano l’animo tutte quelle tracce indelebili

e significati di estremo delicato incanto

che si fanno suono e sentimento.

Ora, ancor più di prima, colgo chiari i suoni semplici

maneggiati negli anni trascorsi a Illorai

ed attinti nelle parole adoperate e celebrate con amore,

per gioia o dolore, dalla gente del Gocèano

e dai miei coriacei antenati.

Ed ora, quei pensieri che mio padre non possiede più

e mia madre medita e misura nel silenzio,

assomigliano con pienezza – come gioielli di un tesoro

e perle da sgranare per una preghiera solenne –

al profondo linguaggio che cresce nella mia voce.

Nella magia di parole scintille d’infinito

mi  parlano di radici, perenni sorgenti di umanità,

che uomini creativi e audaci hanno diffuso in ogni dove

per ridisegnare e conquistare un futuro, mentre il sole

tramonta e nuovamente sorge con meraviglia

per ogni essere e respiro sconosciuto ed indifferente.

E il tempo quotidiano giunge in corsa inquieta,

fuggevole per essere amato.

*Trasposizione italiana della poesia “Prusatotu como”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *