LIBERTADE, LIBERTAD, LIBERTA' … CORSO DI TEATRO IN SCENA A BIELLA CON IL CIRCOLO SARDO "SU NURAGHE"

costumisti, genitori, attori, e piccoli attori di “Libertade, libertad, libertà”, armati di spade, con le insegne dei quattro "Giudicati" sardi.

di Mirko Cherchi

Corso di teatro articolato in otto lezioni – coinvolti bambini e adolescenti da 5 a 16 anni di età – rappresentazione sabato 27 aprile 2013, giorno di “Sa Die de sa Sardigna”, festa nazionale del Popolo sardo

Immaginate di fare un corso di teatro avendo come gruppo di allievi i componenti di una famiglia. Immaginate, davvero in poco tempo, otto incontri, di allestire un momento teatrale dove genitori, figli e parenti vari (più qualche conoscente e amico) collaborano sia davanti che dietro le quinte per raccontare un momento della loro storia famigliare. Giocare al teatro in una comunità come quella sarda in Biella, vuole dire questo. Le donne anziane preparano i costumi e cucinano per la cena dopo le prove, i genitori aiutano i figli a portare in scena la parte e i figli (dai cinque ai sedici anni) giocano, si divertono e imparano un pezzo di storia della loro comunità. Quando tra adulti mi capita di mettere in scena un testo in modo più o meno professionale, nascono, tra gli elementi del gruppo, amicizie e rapporti che a volte proseguono anche dopo la breve vita dello spettacolo. Quando questo accade ci si compiace di come il teatro sia un’esperienza di crescita comunitaria, di forte impatto sociale. Qui la comunità c’è già, ci sono già i rapporti e l’esperienza teatrale è pretesto per il divertimento, un momento ludico dove la condivisione del tempo e dello spazio è vissuto con quei valori che vorremmo esistessero in ogni famiglia. Poco importa l’episodio storico narrato (il tentativo del popolo sardo di ottenere una forma di autonomia sotto il dominio spagnolo, da qui il titolo “Libertade, libertad, libertà” ), la qualità dell’allestimento o come si articola il testo messo in scena; qui un gruppo di persone ha voluto fare festa usando il gioco del teatro e questo a me personalmente basta e mi gratifica quanto un allestimento scenico importante. Il ventisette aprile, nel giorno de “Sa Die de sa Sardigna”, questa famiglia aprirà la porta della propria casa per mostrare e condividere con chi verrà, i suoi tesori più preziosi: armonia e semplicità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *