LA RISOLUZIONE PRESENTATA ALLA CAMERA DA MAURO PILI ED ELENA CENTEMERO: FINALMENTE GRAZIA DELEDDA "ENTRA" NELLE SCUOLE

una giovane Grazia Deledda

E’ stata approvata dalla Commissione cultura della Camera la risoluzione presentata dal deputato sardo Mauro Pili e dal responsabile nazionale della cultura del Pdl Elena Centemero per l’insegnamento nelle scuole italiane della scrittrice nuorese Grazia Deledda, premio Nobel per la letteratura… nel 1926. “Grazia Deledda merita di essere un faro della letteratura italiana, per la sua storia, per la sua grandezza storica e culturale, per aver decantato come nessuno il fascino e la profondità della sua terra. Il parere favorevole del governo alla risoluzione parlamentare impegna il Ministero ad inserire l’insegnamento di Grazia Deledda nei programmi scolastici”, ha detto Pili dopo l’approvazione della risoluzione, firmata anche dai deputati sardi Settimo Nizzi, Bruno Murgia e Paolo Vella. “Si tratta – prosegue – di un atto importante che assegna alla piu’ grande scrittrice della storia letteraria del nostro paese il giusto riconoscimento per il suo premio Nobel e per la sua unicita’ nel panorama letterario mondiale”. “Ora le istituzioni – ha detto Pili – si coordinino per promuovere al meglio le celebrazioni del 2013 per il primo centenario della grande opera ‘Canne al vento’. La Sardegna e l’Italia devono onorare come merita una figlia di Sardegna entrata a pieno titolo nell’Olimpo delle grandi figure letterarie del mondo”.

Una risposta a “LA RISOLUZIONE PRESENTATA ALLA CAMERA DA MAURO PILI ED ELENA CENTEMERO: FINALMENTE GRAZIA DELEDDA "ENTRA" NELLE SCUOLE”

  1. Buon giorno mi ricordo di Lei perfettamente della sera all’aeroporto di Linate con Mauro Pili. Sono contenta e bisogna continuare perché penso sia una battaglia importante per tanti giovani e per la Sardegna a cui sono molto legata. Mi farebbe piacere mandarLe una lettera da pubblicare e organizzare anche un convegno su Grazia Deledda con il Ministro o il Sottosegretario in Brianza. Che ne pensa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *