VIVERE FELICI ALL'ESTERO: COME DIVENTARE CITTADINI GLOBALI. IL LIBRO DI LUISELLA ZAPPETTO PRESENTATO AL CIRCOLO "LOGUDORO" DI PAVIA

nella foto dell'incontro al "Logudoro" di Pavia, da sinistra: Gesuino Piga, Luisella Zappetto, Paolo Pulina

 
di Giacomo Ganzu

È davvero possibile vivere felici all’ estero? Risponde affermativamente la giornalista Luisella Zappetto, autrice del recente volume  “Vivere felici all’ estero. Come trasformare una necessità in una grande opportunità. Tutto quello che occorre sapere per diventare cittadini globali” (edizioni Il Sole-24 Ore), che è stato presentato nel pomeriggio del 15 dicembre presso il Circolo “Logudoro” di Pavia.

La Zappetto, nata a Sassari da genitori di Orotelli, ha casa a Pavia e nella città lombarda è tornata  per le vacanze natalizie dalla lontana metropoli (Giacarta in Indonesia), in cui vive da alcuni anni  col marito geologo e con il piccolo Federico, dopo aver conosciuto un’ esperienza migratoria non di poco conto: quella che  l’ha appunto convinta a scrivere sul  fenomeno dei 45.000 italiani, in prevalenza laureati, che ogni anno lasciano l’Italia per andare a vivere e a lavorare all’estero.

Una scelta non facile e soprattutto non immediata quella dell’ autrice che ha dovuto rinunciare al suo lavoro proprio all’ apice della sua carriera di giornalista; intraprendendo un’ avventura coraggiosa, quella di seguire il marito, geologo di una società petrolifera, nei suoi spostamenti lavorativi, sempre con  destinazioni estere.

L’autrice ha parlato dei contenuti del libro: l’emigrazione attuale: chi parte oggi, quanti partono e perché; che cosa significa andare a vivere e lavorare all’estero oggi: le sfide con le quali i protagonisti dell’espatrio (chi parte per ragioni di lavoro; il partner che accompagna o che resta in Italia; i figli, ecc.) si confrontano nel lavoro e nella vita quotidiana; lo shock culturale; crescere i figli all’estero; i rapporti con chi resta in Italia; le relazioni interculturali con la gente del posto; il rientro in patria.

Ha raccontato, come ha fatto nel libro, alcuni fatti interessanti  relativi alla sua vita all’estero e che possono rendere l’idea di ciò che questa scelta di vita comporta.

Il primo impatto è stato con l’Olanda, paese “burocratico” nel senso letterale del termine: in particolare all’ Aja, città dove ha sede la Corte Penale Internazionale, le misure di sicurezza sono assai severe, quindi per un cittadino è assai difficile trovare la possibilità di inserirsi nel paese. Una spiccata capacità di adattamento, un’ immensa resistenza alla solitudine costituiscono le basi per un primo approccio di necessità con un paese straniero.

Terminata l’esperienza olandese la scrittrice torna a Pavia per un periodo di circa due anni, tra l’altro dopo aver scoperto la dolce attesa. Dopo alcuni mesi di distanza dal marito Luisella decide di trasferirsi al Cairo e di partorire lì. I familiari tentano di dissuaderla (partorire in un paese come l’ Egitto non sembrava la soluzione migliore dopo le cure ricevute nel “Bel Paese”),  tuttavia, dopo una documentazione approfondita, avendo saputo che alcuni medici avevano frequentato università tra le più prestigiose del mondo, il parto avviene al Cairo. Nella capitale egiziana  Luisella  rimarrà con la famiglia per circa due anni.

L’esperienza egiziana però cambia la prospettive di Luisella che, seppur ancorata alla sua terra, decide che ormai non si può più tornare indietro; soprattutto perché il piccolo Federico è ormai abituato ad un’ impostazione scolastica di tipo internazionale, profondamente diversa da quella delle nostre scuole, in cui   l’apprendimento multiculturale viene spesso sottovalutato. 

Dopo il Cairo, il lavoro del marito porta l’autrice a Mosca – città fredda,  cupa, ancora ancorata ai “fantasmi del passato” – che poco si confà alle attività che lei svolgeva in precedenza. Anche qui il controllo burocratico non risparmia la vita privata delle persone (ancora come ai tempi dell’ URSS): infatti bisogna portare con sé sempre il passaporto, perché le forze dell’ ordine russe possono chiederlo in qualsiasi momento. Da rilevare però che è una predisposizione dei russi quella di aiutare gli italiani che si trovano nel paese del “Generale Inverno”.

Dopo Mosca è la volta di Giacarta, dove Luisella oggi abita. Ancora una volta non è facilissimo cambiare stile di vita, molto più facile è cambiare clima: si passa, infatti dai meno 20° di Mosca ai 30° di media della capitale indonesiana.

Il libro di Luisella Zappetto non è un incentivo alla fuga,  semplicemente è il racconto di un’esperienza che può aiutare i giovani  a fare i conti con una realtà ineludibile ormai del nostro panorama esperienziale: la globalizzazione  e la mobilità internazionale non solo consentono di  conquistare traguardi economici più vantaggiosi ma anche  di conseguire   un arricchimento culturale  e linguistico che è l’antidoto migliore  contro la xenofobia.

In un certo senso gli italiani sono anche avvantaggiati, perché descritti da molti studiosi come un popolo gioviale, il quale fa trasparire l’emozione e i sentimenti, anche attraverso il linguaggio del corpo. L’autrice molto spesso si è sentita dire:  “Ci troviamo bene con te perché sei italiana”. Riflettiamo sull’ opinione che i paesi terzi hanno di noi, non come pacchetto di istituzioni, ma bensì come insieme di individui legati alla propria nazione.

Dopo la relazione dell’autrice sono intervenuti Gesuino Piga  e Paolo Pulina, rispettivamente presidente e vice presidente vicario del Circolo culturale sardo “Logudoro” di Pavia.

Piga ha sottolineato come avere avuto una relatrice così giovane e ricca di esperienza “migratoria” sia stata un’occasione di giubilo per l’ associazione che si sente legata a lei da un comune destino: quello di sradicarsi senza perdere però il legame con la comune isola natia.

Pulina ha osservato  che la presentazione del libro della Zappetto ha costituito un  “format” diverso da tutte le altre iniziative, pure numerose e non ripetitive,  sin qui messe in campo dal Circolo:  non un tema della storia/cultura/tradizione della Sardegna illustrato da un relatore/relatrice proveniente dall’isola ma un’analisi della realtà, nazionale o internazionale,  studiata da un sardo o una sarda “in giro per il mondo” a vantaggio di un pubblico generale e poi  presentata di persona  ai propri  amati corregionali anch’essi stabilitisi fuori dell’isola. Non mancano nell’Italia continentale, in Europa e nel mondo sardi emigrati protagonisti di innovative esperienze esemplari – che possono essere molto utili soprattutto per i giovani. Ha soggiunto Pulina: anche nel valorizzare queste “eccellenze” sarde fuori della Sardegna sono più spesso gli altri sardi emigrati che quelli residenti. Ma questa – ha concluso – non è una storia nuova.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *