ALLA CASA MUSEO ELISEO DI TERRALBA, GRANDE SERATA CULTURALE CON LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO "CROCIFISSI PROCESSIONALI"

in primo piano Monsignor Dettori

di Gian Piero Pinna

Nella Casa Museo Pinacoteca Eliseo di Terralba, grande serata culturale per la presentazione del libro “Crocifissi Processionali – Diocesi Ales Terralba“, di Eliseo Lilliu, per la presenza di numerose autorità tra i quali il Vescovo di Ales Monsignor Giovanni Dettori e il Vice Presidente della Provincia di Oristano Emanuele Cera, il Sindaco di Terralba, Pietro Paolo Piras, l’Assessore alla Cultura, Stefano Siddi. Ha presentato la serata il giornalista Gianfranco Corda, direttore di Terralba Ieri & Oggi, che ha introdotto la serata presentando tutti gli ospiti e i relatori, hanno fatto da degna cornice all’evento anche le Confraternite del Rosario e della Pietà, con un antico e pregevole crocifisso astile d’argento, conservato nella cattedrale di Terralba. Dotta e molto esauriente il discorso fatto da Monsignor Dettori, che si è detto meravigliato di aver trovato tanta ricchezza di crocifissi astili nella Diocesi di Terralba – Ales, quando arrivo nella sua nuova destinazione, proveniente da quella di Ozieri: “Nella Diocesi di Ozieri, c’era un solo crocifisso astile processionale, conservato gelosamente in una cassaforte della Cattedrale, qui mi son reso conto che ogni Chiesa, o quasi, aveva il suo prezioso crocifisso processionale ed ecco perché ho incoraggiato Eliseo a intraprendere questo lavoro, che grazie anche al generoso contributo dell’Amministrazione comunale di Terralba, si è potuto realizzare”. Ha sottolineato il presule durante il suo intervento, molto soddisfatto anche il Sindaco di Terralba, Pietro Paolo Piras, che oltre i ringraziamenti a coloro che hanno agevolato e reso possibile quel complesso lavoro di ricerca, ha messo in evidenza anche i molti eventi culturali che stanno animando Terralba in quest’ultimo periodo. Grande interesse ha suscitato anche la notizia data dall’Assessore alla Cultura Stefano Siddi, durante il suo intervento, che nell’incoraggiare simili iniziative che permettono di conservare la memoria storica del territorio, ha accennato anche ad alcuni episodi non molto edificanti del passato, quando, per l’insipienza di qualcuno, è stata completamente distrutta un’antica chiesa terralbese, sottolineando che però “grazie a un lavoro di ricerca portato avanti dall’Associazione Selas, è stata riportata alla luce un’antica croce proveniente dalla chiesa distrutta, che contiamo di riposizionare dove anticamente insisteva l’edificio sacro”. Molto soddisfatto naturalmente l’autore del lavoro, Don Eliseo Lilliu, arrivato alla sua trentaduesima fatica, ma durante il suo discorso, ha annunciato che non ha intenzione di fermarsi ed è già pronto il suo trentatreesimo libro. Affollata da tante persone che hanno seguito con la massima attenzione la presentazione del libro, svoltosi nell’accogliente sala conferenze del Museo Eliseo, dove erano esposti anche alcuni esemplari di pregevoli crocifissi processionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *