VITTORIA E RECORD PER IL SARDO ANDREA MURA E RICCARDO APOLLONI: I DUE VELISTI PRIMI ASSOLUTI SUL TRAGUARDO DELLA TWO HANDED TRANSATLANTIC RACE 2012

il grande Andrea Mura e il suo "Vento di Sardegna"

redazione Tottus in Pari

Vittoria e record per Andrea Mura e Riccardo Apolloni su Vento di Sardegna alla Twostar 2012. I due velisti italiani primi assoluti sul traguardo della Two Handed Transatlantic Race 2012 (Twostar), conquistano anche il nuovo record della regata. Il loro arrivo a Newport R.I. negli Usa alle 19:47 locali di sabato 16 giugno. Sono i primi italiani a vincere questa regata. 13 giorni 12 ore e 47 minuti: con questo tempo Mura e Apolloni, a bordo dell’Open 50 Vento di Sardegna (progetto Felci Yachts), hanno stabilito il nuovo record di percorrenza per monoscafi della regata oceanica di 2.786 miglia organizzata dal Royal Western Yacht Club e partita da Plymouth in Inghilterra il 3 giugno scorso con arrivo a Newport. Il precedente record risaliva al 1994 ed era stato fissato, con un tempo di 15 giorni e 31 minuti, dal 60’ Cherbourg Technologies. «Siamo esausti ma felici – hanno dichiarato Mura e Apolloni appena tagliato il traguardo, dove erano attesi dal comitato di regata presieduto da Norm Bailey, International Liaison Officer ed ex Commodoro del Newport Yacht Club – il nostro è un risultato di prestigio per la vela e lo sport italiani, realizzato con una barca italiana ’vecchià di 12 anni ma costantemente rinnovata, con vele italiane realizzate dalla Veleria Andrea Mura, una preparazione tutta italiana e il contributo di tante aziende che hanno messo a nostra disposizione la loro tecnologia per consentirci di navigare serenamente e in assoluta sicurezza. Questa vittoria la dedichiamo a tutti loro e a tutti coloro che lo hanno reso possibile. In particolare voglio ringraziare la Regione Autonoma Sardegna nella persona del suo presidente Ugo Cappellacci che ha sempre creduto in me, il presidente del Cagliari Calcio Massimo Cellino, il mio sponsor storico Argiolas Formaggi e Intermatica che mi sostiene anche da un punto di vista tecnico e della sicurezza con i prodotti per la comunicazione satellitare».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *