PER "SA DIE DE SA SARDIGNA", IL 31 MARZO AL CIRCOLO "LOGUDORO" DI PAVIA, CONVEGNO STORICO SU "DALLA CACCIATA DEI PIEMONTESI (1794) ALLA 'PERFETTA FUSIONE' (1847) E ALL'AUTONOMIA REGIONALE (1948)"


di Paolo Pulina

Il Circolo culturale sardo “Logudoro” di Pavia, sulla base di un finanziamento della Regione Autonoma della  Sardegna (Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport),  in collaborazione con la  Federazione Associazione Sarde in Italia (FASI), con il patrocinio del Comune di Pavia,  in occasione della celebrazione de “Sa Die de sa Sardigna” (Festa del popolo sardo),  ai sensi della L.R. 14 settembre 1993 n. 44 e successive modifiche e integrazioni annualità 2011,  promuove per SABATO 31 MARZO  2012, con inizio alle ore 16,00,  un Convegno storico dal titolo “Dalla cacciata dei Piemontesi (1794) alla ‘Perfetta Fusione’ (1847) e all’Autonomia Regionale (1948)”.

Dopo l’apertura dei lavori, affidata a Gesuino Piga, presidente del “Logudoro”, ci saranno i saluti  delle autorità  della Regione Sardegna e locali e della FASI (Filippo Soggiu, presidente emerito, e Serafina Mascia, presidente).

Le relazioni saranno svolte da Paola Marcella Mereu (“Autonomia, fra consapevolezza e sentimento, nel1794 inSardegna”), da  Teresina Serra (“La Fusione Perfetta”) e da Tonino Bussu (“Dall’Autonomia alla Riforma dello Statuto Speciale Sardo”. Seguirà un intervento di  Paolo Pulina (vicepresidente vicario del “Logudoro; dell’Esecutivo nazionale della FASI) dal titolo  “Significato storico e valore culturale per gli emigrati  de ‘Sa Die de sa Sardigna’, festa del popolo sardo”.  A conclusione ci saranno  letture in sardo da parte di giovani figli di emigrati e di poeti sardo-pavesi.

Come si vede dal programma, il Circolo “Logudoro” di Pavia  utilizzando anche la lingua sarda,  intende approfondire la conoscenza dei seguenti temi:

§   Le cause della sollevazione del 28 aprile 1794; i moti antifeudali; il ruolo di Giommaria Angioy.

§   Le motivazioni che hanno convinto le classi dirigenti sarde a chiedere la “Perfetta Fusione” con gli Stati di terraferma nel 1847, rinunciando così alle istituzioni del Regnum Sardiniae.

§  Le origini della “questione sarda” a cavallo tra l’Otto e il Novecento e la successiva elaborazione delle istanze autonomistiche che si realizzeranno con l’approvazione dello Statuto Speciale nel 1948.

Nel corso del convegno, poiché le radici dell’autonomia regionale sono da ricercarsi proprio nelle vicende storiche di fine Settecento, si  affronteranno anche temi di grande attualità quali il  superamento dell’autonomia, il  federalismo, la sovranità: tutte questioni oggi all’attenzione  dell’opinione pubblica sarda e del Consiglio Regionale della Sardegna.

 

Su Circulu culturale sardu “Logudoro” de Pavia, pro ammentare “Sa Die de sa Sardigna”(Festa de su Populu Sardu), impreande puru sa limba sarda, si proponet de connoscher menzus sos temas chi sighin:

§ Sas causas de sa ribellione de su 28 aprile de su 1794; sos motos antifeudales; su ruolu de Giomaria Angioy.

§ Sos motivos chi an cumbintu sas classes dirigentes sardas a dimandare sa “Perfetta Fusione” cun sos Istados de sa Terramanna in su 1847,  cantzellandeche  sas istitutziones  de su Regnum Sardiniae.

§ Dae s’autonomia de su 1948 a sa Costituente pro sa reforma de s’Istatuto Ispeciale.

In s’attopu, partinde dae sas raighinas de s’autonomia regionale chi si depen chircare in su chi est capitau a fine de su Settichentos in Sardigna, s’at a trattare finas de temas de grandu attualidade comente un’autonomia nova, su federalismu, sa soverania: totu chistiones chi oje suni a s’attentzione de s’opinione pubblica sarda e de su Cossizu Regionale de sa Sardigna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *