IL 7 E L'8 MAGGIO A MONZA, IL CONSUETO APPUNTAMENTO DEI CIRCOLI DEGLI EMIGRATI SARDI DELLA LOMBARDIA PER CELEBRARE "SA DIE DE SA SARDIGNA"

"Sa Die" a Monza è per i circoli sardi della Lombardia, l'ottava edizione
"Sa Die" a Monza è per i circoli sardi della Lombardia, l'ottava edizione

di Massimiliano Perlato

Si svolgerà a Monza il prossimo 8 maggio (con un’appendice introduttiva il 7), l’ottava edizione de “Sa die de sa Sardigna” organizzata dalle associazioni degli emigrati sardi in Lombardia. “Sa Die”, è giusto ricordarlo, è per antonomasia considerata la festa del popolo sardo che vuol rammentare la data del 28 aprile 1794, giorno in cui è avvenuta la cacciata dei Piemontesi ad opera dei cagliaritani dalla Sardegna: una giornata che ha assunto connotazione simbolica per la conquista del tanto agognato principio di identità. Un episodio quello del 1794 che rappresenta un significativo e determinante momento di lotta contro l’assolutismo per affermare decisamente sia l’autonomia politica, sia la specificità culturale, sfatando di conseguenza il mito dell’insormontabile isolamento.

Si può considerare l’evento clou dei circoli legati alla F.A.S.I. (la Federazione delle Associazioni Sarde in Italia) che per quasi un decennio, hanno richiamato l’attenzione su una pagina storica per l’isola, catalizzando cultura e folklore nelle città in cui si è svolto. Vale la pena riepilogare i luoghi delle sette precedenti edizioni: 2003 Bergamo, 2004 Como, 2005 Vigevano, 2006 Varese, 2008 Cremona, 2009 Milano, 2010 Cinisello Balsamo.

I 20 sodalizi presenti sul territorio, ben coordinati da Antonello Argiolas, hanno mostrato sempre coesione e caparbia collaborazione nel cercare ogni anni di presentare un prodotto di qualità non solo ai corregionali presenti nel luogo dove si dipanavano le manifestazioni, ma con il chiaro intento di volta in volta, di coinvolgere i cittadini che la Sardegna o non la conoscono, o la conoscono da semplici turisti ferragostani.

Nel cuore della Brianza laboriosa e quasi sfuggente, l’edizione 2011 prenderà avvio sabato 7 maggio alle ore 16.30 presso l’Urban Center – Binario 7 in via Turati 6 (zona Piazza Castello) con l’inaugurazione della Mostra “Fratelli d’Italia” sul 150° anniversario dell’Unità d’Italia celebrato per immagini di satira, grafica e illustrazione. La mostra resterà aperta a Monza dalle 10 all18 nei giorni feriali. Il sabato dalle 10 alle 12.30 e dalla 15 alle 18. La domenica dalle 14 alle 18. L’ingresso è libero.

Per la giornata dell’8 maggio, il ritrovo per i partecipanti che giungeranno da ogni angolo della Lombardia sarà alle ore 9. Il primo appuntamento sarà  la visita proprio della mostra sopra citata.

Alle ore 10 presso il Teatro Villoresi in piazza Carrabiolo, si svolgerà il convegno: “Carlo Cattaneo, Giovanni Battista Tuveri e il pensiero federalista”.

A quest’incontro interverranno: il professor Stefano Pira, ricercatore storico dell’Università di Scienze Politiche di Cagliari;  il dottor Paolo Pulina, giornalista pubblicista, responsabile dell’informazione per la F.A.S.I.; il dottor Marco Maria Mariani, sindaco di Monza. Per l’occasione, interverranno rappresentati istituzionali della Sardegna e della Lombardia.

ADuomo_Monza_italylle ore 12 presso il Duomo, la SS Messa celebrata da Monsignor Silvano Provasi, arciprete di Monza, con l’offertorio in costume sardo e i canti della liturgia sempre in lingua sarda.

Alle 14.30, si terranno le visite guidate.

Diverse le possibilità a discrezione dei partecipanti. L’opzione principale con la guida, sarà la visita del Museo della Corona Ferrea e il Tesoro di Teodolinda nel Duomo. Le alternative, saranno la visita all’Urban Center della mostra “Fratelli d’Italia”, il famoso Parco dove al suo interno si svolge il Gran Premio di Formula Uno di automobilismo e la Villa Reale.

Alle ore 16.30 presso piazza Carrobiolo, incontro tra due identità culturali di Sardegna e Lombardia con la sfilata e lo spettacolo del gruppi folkloristici.

Per la Sardegna si esibirà il gruppo “Ichnos” formato totalmente da emigrati appassionati di ballo; per la Lombardia ci sarà il gruppo “Firlinfeu – La Primavera” di Sovico. Nel contempo lungo le vie del centro cittadino (dalle ore 9 alle 22), ci sarà l’esposizione e la vendita di prodotti tipici artigianali e agroalimentari sardi e brianzoli.

Chiusura alle 17.30 presso il Teatro Villoresi in piazza Carrobiolo con lo spettacolo musicale del famoso cantante etno folk Piero Marras con il suo gruppo.

La manifestazione è patrocinata dalla Regione Sardegna, dalla Regione Lombardia, dal Comune di Monza e dalla Provincia di Monza  e Brianza. I circoli degli emigrati sardi che hanno reso possibile l’evento hanno le loro sedi a: Bareggio, Bergamo, Brescia, Carnate, Cesano Boscone, Cinisello Balsamo, Como, Cremona, Gallarate, Lecco, Magenta, Marchirolo, Milano, Monza, Parabiago, Pavia, Peschiera Borromeo, Saronno, Vigevano, Vimodrone.

4 risposte a “IL 7 E L'8 MAGGIO A MONZA, IL CONSUETO APPUNTAMENTO DEI CIRCOLI DEGLI EMIGRATI SARDI DELLA LOMBARDIA PER CELEBRARE "SA DIE DE SA SARDIGNA"”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *