EVANZELIU DE GESUS MAGISTRU: BORTADU IN LIMBA LOGUDORESA DAE PRAIDERU JUANNE MANCA DE BONO

preideru Juanne Manca
preideru Juanne Manca

di Cristoforo Puddu

Don Giovanni Manca, nato a Bono nel 1931 ed ordinato Presbitero il 15 agosto del 1955, ha svolto sempre il magistero sacerdotale nel nativo centro goceanino: vice Parroco fittizio nella Parrocchia San Michele Arcangelo (1956 – 1985) e successivamente Cappellano nella Chiesa di Sant’Efisio e nella Casa  di Riposo. Ora, stampata dalla Tipografia il Torchietto di Ozieri, vede finalmente pubblicata la sua traduzione in logudorese dei quattro vangeli canonici. L’opera, ultimata già ai primi anni ’80 e che attinge vigorosamente ed esalta la parlata del Goceano, ha avuto una lunga e necessaria “decantazione” e “limatura” in considerazione delle recenti traduzioni e studi sull’Evangelium. Evanzeliu de Gesùs Magistru bortadu in limba logudoresa dae preideru Juanne Manca– è la fedele trasposizione dei Vangeli di Matteo, Marco, Luca e Giovanni. Le quattro significative differenziazioni testimoniali, che incoraggiano alla conoscenza del messaggio di Redenzione  attraverso la lingua dell’identità, operano nel segno missionario di alimentare il Vangelo “evangelizzando le culture”. La vita e l’insegnamento di Gesù, proclamato originariamente in aramaico e pervenuto attraverso traduzioni in greco, è stato fatto veicolare tra i vari continenti e la Chiesa ha sempre favorito la diffusione di traduzioni in tutte le lingue moderne e minoritarie; la stessa opera di don Manca è stata legittimata dall’Imprimatur ad usum manuscripti dal vescovo di Ozieri Sergio Pintor. Don Giovanni Manca, nella premissa, sottolinea e motiva il suo lavoro letterario e di fede con la convinzione che “Onzi generassione de cristianos devet iscriere s’evanzeliu sou, ca s’evanzeliu no est solu una cosa de su passadu, ma est una cosa sempre noa, est un’avvenimentu sempre attuale”. S’Evanzeliu è, secondo il traduttore, “prima de tottu un’attu de amore a Gesu Cristu, Salvadore e Magistru nostru de eris, de oe e de cras” e  omaggio di memoria per quanti hanno custodito e trasmesso la lingua chi “oe puru faeddamus”; alla madre da cui, ancora bambino, ha “intesu contare sas paristorias de Magistru chi andaiat chin S. Pedru peri sos campos e-i sas biddas nostras a incontrare sos pastores e-i sos carrulantes, sos pedulianos e-i sas massaias de domo; chi beneighiat s’allegria de sos isposos e partezipaiat a sa tristura de sos orfanos e de sas battias”; alle tante donne e uomini incontrati durante il ministero sacerdotale e ai predicatori in limba (Titiu Terzianu e Titiu Bazzizza).  (Evanzeliu de Gesùs Magistru, Juanne Manca, Edizioni Tip. il Torchietto – Ozieri, 2010, euro 25,00)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *