AMMENTENDHE SOS MANNOS: CUCCA, FARINA, MORETTI, PIRASTU E TESTONI, GRANDI INTERPRETI DELLA POESIA A BOLU


di Cristoforo Puddu

Istanotte Pirastru ‘e Utieri

disacatu che faghet in Piaghe.

Pro nde segare su ‘ostru denaghe

non b’impreo ne pinna ne tinteri.

Daghi destruo su forte nuraghe

calicunu nde fatto presoneri.

Su quartieri ch’hazis in mal’astru

chie bo’ nde lu ‘ettat est Pirastru. (Z.P.)

 

Gavinu, torra s’ispada a su bàinu,

ca già l’ischis da’ ue ses dipesu.

Tue ti faghes gentile e cortesu,

ma mi pares un’omine saltarinu.

Mamma tua colcada est cun dun’ainu

e tue ses bessidu ainu e mesu.

Mamma tua cun s’ainu hat sortidu:

ainu e mesu tue ses bessidu. (B.T.)

 

Le due “pepate” otadas, dirette a Gavinu Contene, sono rispettivamente dell’ozierese Zusepe Pirastru (1858-1931) e del bonorvese Barore Testone (1865-1945): mitici protagonisti delle disputas e schermaglie che animarono le sfide sul palco, regolamentate e pubbliche, dopo la prima gara poetica logudorese ufficiale del settembre 1896 ad Ozieri, per iniziativa di Antoni Cubeddu. Altri interpreti rappresentativi e gloriosi, che contribuirono al successo popolare della poesia estemporanea improvvisata con memorabili gare di poesia a bolu, furono i cantadores Antonandria Cucca (1870-1945), Antoni Farina (1865-1944) e Pitanu Moretti (1868-1932); per estro e genialità contesero spesso su pannu a stelle di prima grandezza come Contene e Cubeddu. Ai primi del Novecento, la fortuna e il consenso popolare per la gara “regolarizzata” è diffuso oltre la naturale area logudorese del Cabu de Susu-Tzentru e conquista persino i centri del Campidano; la crescita ha i chiari segni di un fenomenale movimento culturale e sociale che mette in circolo un gradito codice linguistico e letterario. Una particolare aura di attenzione e interesse cinge tutti sos poetes dell’oralità.

Antonandria Cucca, nativo a Sassari da genitori di Ossi, è una delle “stelle”di quel primo firmamento poetico estemporaneo. Con perenne vena e successo si esibisce sui palchi per circa quaranta anni, riuscendo a confrontarsi anche con i grandi improvvisatori della generazione dei vari Remundu Piras, Barore Sassu e Barore Budrone. Di  Cucca, cui si ha scarsa documentazione biografica, si ricorda l’arguzia e la ricercatezza nel “trovare la rima meno scontata e più ad effetto”.

Antoni Farina nasce a Santa Vittoria di Osilo, località di grandi tradizioni poetiche che aveva dato i natali ai mitici Migheli, Senes, Nonna, Nicu e, secondo la testimonianza del canonico Spano, a diverse donne cantadoras. Farina coltivò preferibilmente la frequentazione delle gare con tiu Cubeddu, per cui aveva grande stima, e da abile versificatore avviò ai palchi anche la figlia Maria. Farina è ricordato per la prontezza ed incisività nell’improvvisazione.

Pittanu Moretti nasce a Tresnuraghes da una famiglia di mugnai. Frequenta la scuola elementare locale e poi prosegue gli studi al Seminario di Bosa. Abbandonati gli studi regolari, arricchisce la sua cultura con la lettura e da autodidatta. Figura estroversa ed in continua evoluzione, coltiva prima idee anticlericali e, trasferitosi nel Sulcis dove trova impiego nelle miniere, scopre gli ideali socialisti. Tra il 1916 e il 1919 è agente daziario a Iglesias e a Oristano. Rientrato a Tresnuraghes si dedica totalmente all’attività poetica estemporanea e alla commercializzazione dei suoi scritti in versi. Da contraddittoria figura qual è, nel 1920 stampa il poemetto “Sa campana sarda”, di sostegno al nascente sardismo, e nel 1923 compone “Mussolini in Sardigna”che legittima la sua adesione al Partito Fascista. Scompare il 24 aprile del 1932, mentre il regime censura poeti e gare pubbliche.     

Zusepe Pirastru è l’altro cantadore ozierese, come Cubeddu, di estrema inventiva e creatività. Lega indelebile il suo nome alla prima generazione di aedi che plasmarono l’identità della nuova gara poetica pubblica. Non era raro, nell’improvvisazione di Pirastru, il ricorso all’esaltazione della propria arte con versi superbi: “Cando cantat Pirastru Deus falat\ e-i s’arcu balenu lu colorit…”, ma è anche vero che preferisce il confronto poetico con gli amici-rivali Contene e Cubeddu, sempre capaci di stimolare la sua “precisione, arguzia e lirismo”. Apprezzate di Pirastru le particolari composizioni con il metro del trintases e l’abilità nello sviluppare, con energia e argomenti, i temi proposti nelle disputas.

Barore Testone nasce a Bonorva, fucina di rinomati talenti poetici e di cultori della limba. Caratterialmente forte ed indomabile è un vate che gode di grande stima, conquistata principalmente nei leggendari duelli con Gavinu Contene; le loro reciproche continue frecciate in endecasillabo sono ancora oggi patrimonio di memoria popolare. Contrastanti le notizie biografiche su Testone: alcuni lo considerano un geniale analfabeta, mentre altri gli riconoscono “una cultura profonda” alimentata da continue letture. Stanis Manca, in un articolo per la rivista “La lettura” dell’ottobre 1909, descrive così il poeta bonorvese: “Il biondo Testoni ha qualcosa di slavo nella sua fisionomia. Fa l’agricoltore e canta con sentimento, con dolcezza, quasi con malinconia, meglio forse di tutti gli altri rilevando i caratteri della misteriosa psiche sarda”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *