BUON SEGNO: NEL 2010 INCENDI IN CALO IN SARDEGNA. E' IL DATO PIU' BASSO DEGLI ULTIMI 40 ANNI


ricerca redazionale

Nel 2010 sono calati di quasi un quarto gli ettari di territorio bruciati rispetto all’anno scorso e alla media degli ultimi 40 anni. Durante il 2010 sono andati in fumo 11.712 ettari, contro i 40.729 dell’anno passato e dei 38.335, mediamente bruciati dal 1970 a oggi. La diminuzione del dato è dovuta soprattutto all’opera di prevenzione e al perfezionamento della sintonia tra enti oltre alle condizioni climatiche favorevoli, con temperature piuttosto miti e poche giornate di forte maestrale. Il dato è stato diffuso durante l’incontro internazionale Fume (Forest fires under climate, social and economic changes in Europe, the Mediterranean and other fire-affected areas of the world). La dichiarazione di elevato pericolo di incendio è stata diramata una sola volta durante la campagna 2010, per le giornate del 23 e 24 luglio, nelle quali si sono verificati gli incendi più significativi per estensione e pericolosità a Muravera, Sant’Antioco, Santa Teresa, Carbonia, Torpè, Quartu Sant’Elena. Diminuisce anche la superficie boscata percorsa dal fuoco, il cui valore si è attestato su 2.198 ettari, pari al 71,46% in meno rispetto al valore medio che è di 7.702 ettari. E’ inoltre diminuita la superficie media percorsa a incendio, pari a 3,28 ettari. Le giornate di lotta che hanno richiesto l’intervento anche di un mezzo aereo regionale o statale sono state 115. Il numero degli incendi è invece aumentato, raggiungendo 3.568 episodi. Analizzando la stagione estiva 2010 in relazione al numero degli eventi giornalieri la campagna antincendio si mostra comunque particolarmente critica e impegnativa, facendo registrare un numero di 23 incendi al giorno, con una media di 31-32 interventi quotidiani tra settembre e ottobre. In aumento anche il numero di incendi nel periodo autunnale. Sono state inviate all’autorità giudiziaria 400 comunicazioni di notizia di reato per incendio, di cui 301 a carico di ignoti e 98 a carico di indagati. Fra le cause prevalgono quelle di origine dolosa (267), anche se sono in aumento gli incendi colposi, pari a 105, provocati da comportamenti imprudenti nelle aree maggiormente a rischio. I denunciati sono stati 123, di cui 20 per incendio doloso e 103 per incendio colposo. Al meeting, hanno partecipato esperti e tecnici da tutto il mondo. L’evento è  stato organizzato dal Centro euro-mediterraneo per i cambiamenti climatici (Cmcc), dalla sede di Sassari della Divisione impatti sull’agricoltura (Iafent), e dal Dipartimento di economia e sistemi arborei (Desa) dell’università di Sassari.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *