IN GIRO PER L'ITALIA PORTANDO I COLORI E I SUONI DELLA SARDEGNA: IL GRUPPO FOLK "SANTA BARBARA" DI MACOMER

le donne del gruppo folk "Santa Barbara" di Macomer
le donne del gruppo folk "Santa Barbara" di Macomer

di Franchina Palla

Il Gruppo Folk Santa Barbara di Macomer nasce nel 1975 come scuola di ballo, grazie all’iniziativa del suo istruttore e fondatore, Gianni Senes. Il gruppo si è esibito nei più grandi palcoscenici della Sardegna come: quello di Nuoro (Sagra del Redentore), di Cagliari (Sant’Efisio), di Sassari (Cavalcata Sarda), di Santadi (matrimonio Mauritano),  di Selargius (matrimonio Selargino),  di Villamassargia (festival Dei popoli) e negli studi di Videolina per la trasmissione “Sardegna Canta” e studi di Sardegna 1 per “Anninnora”. Oltre a questo ci siamo esibiti in diverse località oltre mare come: Valle d’Aosta, Roma (tre volte), Portoferraio (Isola d’Elba), Verona (Fiera Cavalli).  Il gruppo oltre a esibirsi nelle piazze della Sardegna e non, organizza anche un “Festival del Folklore”  che è arrivato alla nona edizione. Attualmente il gruppo è composto da circa 30 persone di cui 8 più giovani ai quali è affidato il compito di preservare e tramandare  le tradizioni folcloristiche del paese. Tra queste presone ci sono quelle che formano il gruppo di ballo ( 9 coppie), i restanti 11 sfilano solamente.

ABITO TRADIZIONALE FEMMINILE DA SPOSA

Su Muccaloru:  fazzoletto in seta banca

Su Muccaloru a s’isparta: fazzoletto in tulle bianco ricamato a mano

Su Cansu: camicia in cotone bianco arricciata sul davanti

S’Imbustu: bustino in seta bianca  con bordo rosso finemente ricamato con motivi floreali

Su Corittu: corpetto in panno rosso con ricami floreali

Sa Unnedda: gonna in panno rosso plissettato , ornata alla base da ricami floreali

Sa Farda: grembiule in seta bianca 

I ricami dei costumi tradizionali femminili sono eseguiti interamente a mano 

 ABITO TRADIZIONALE DELL’ UOMO

È confezionato con lino panno e orbace. Più precisamente di lino la camicia e i calzoni, in orbace nero tutto il resto, con la presenza del panno rosso nelle bordature e nella parte posteriore del giubbetto detto ZIPPONE. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *