A Nuoro, emozionanti serate in onore e in ricordo di Tonino Puddu

di Rosalba Satta

Nel tuo pezzo d’azzurro oggi è festa grande. Danza … la tua musica danza, un canto che profuma di stelle e di speranza. (Rosalba)

 

Ventiquattro ottobre, ore venti .Teatro Eliseo gremito. Si preannuncia una serata speciale. Sarà ricordato l’artista Tonino Puddu, il cui addio terreno risale a un anno  addietro. "Su bolu  ‘e s’ammentu" , si legge nei cartelloni che "vestono" Nuoro dal centro alla periferia. E ancora, nel sottotitolo : "Nois custa notte a tibe amus pessau, amus pessau a ti fachere unu donu …", parafrasando un bel verso della poesia-canzone di Tonino dal titolo "Pro chi ti siat sa bida unu beranu". Quel "nois" sono, innanzi tutto, i suoi familiari . Quel "nois" sono, poi, i suoi ragazzi , i componenti il Coro Su Nugoresu che nel retro-copertina del CD – appena pubblicato e che fra breve verrà presentato al pubblico – così hanno scritto : "A Te, grande maestro, perché  la tua musica possa viaggiare ancora e, superando il tempo e le distanze, riscaldi il cuore di chi ti ha conosciuto e di chi verrà. Che le nostre voci continuino ad essere la tua voce. Con eterna riconoscenza". Ma quel "nois" sono anche i tanti suoi amici fraterni e i  numerosi ammiratori del suo canto e della sua musica. La serata è presentata, con l’eleganza di sempre, da Ottavio Nieddu . Il buio della sala viene rotto dal canto "Cantones de pache e d’amore" : versi scritti da mio padre , musicati da Tonino e cantati dal suo Coro. L’emozione è grande… Mi tornano in mente le parole che dissi il 21 giugno citando Tonino, in occasione della festa europea della musica, dedicata, quest’anno, a mio padre: "Se faccio riferimento a Tonino Puddu non è per caso. Sono certa che anche lui , adesso, c’è … e ci sarà sempre , ogni qualvolta si parlerà di poesia e di musica. La sua ultima canzone, "Toccheddos de coro" – che lui ha voluto lasciare come suo testamento spirituale – che armonizzò ma non potè cantare, è , in assoluto, una delle poesie più belle scritte da mio padre . E come Alessandro Catte ed il suo gruppo sono stati capaci di trasformare in sinfonia la sua "Ispadas de sole", così Tonino e il suo gruppo hanno reso ancora più toccanti e significativi questi versi già bellissimi. E adesso mi piace immaginare mio padre che sceglie di fissare un appuntamento con Tonino Puddu in un punto preciso dell’altra dimensione , per ri-discutere di musica, di poesie da armonizzare e, all’occorrenza, da creare…" Il messaggio deve essere giunto in quel pezzo d’azzurro nel quale, oggi, mio padre e Tonino si trovano. E deve essere arrivato per vie traverse – che sono, poi, quelle del cuore – anche ai  ragazzi di Tonino che non a caso hanno scelto di iniziare e concludere l’incontro con i versi di mio padre. Che bella complicità! La voce di Maria Giovanna Ganga racconta versi stupendi … Versi che fanno da cornice alla varie foto-ricordo : ecco Tonino bambino col fratello Salvatore, con i genitori, con la sorella … E poi gli amici del suo primo gruppo musicale e, via via, tutti gli altri e coloro che oggi sono qui per rendergli l’onore che merita. Viene riproposto un video col Duo Puggioni , trasmesso anni addietro da "Sardegna canta" . L’emozione è grande e il canto arriva al pubblico con la forza di una carezza che diventa  abbraccio intenso quando il Duo Puggioni, sul palco, racconta la tenera e forte intesa con Tonino artista e con Tonino uomo … sempre fiducioso e riconoscente -nonostante la malattia che l’aveva privato della sua bellissima voce -, verso quel Dio i cui  disegni hanno sempre un senso, sconosciuto, a volte, agli uomini … perché impregnato di mistero divino. E poi… la danza e i colori dei vari gruppi folk : da quelli del Gruppo Città di Tempio per giungere a quelli del Gruppo di Desulo e infine a quelli del Gruppo Su Nugoresu, il tutto alternato dai canti del Coro Su Nugoresu e del Coro Montanaru, oggi diretti dal bravo Simone Dionigi Pala. Lo scambio dei doni è d’obbligo, in serate come queste. E a farlo col giusto coinvolgimento emotivo è la bella nipote di Tonino , che fa parte del Gruppo Folk Su Nugoresu. L’incontro si conclude con "Nanneddu meu" cantata dai Cori e da tutto un pubblico che, in piedi, applaude riconoscente e commosso, mentre sullo sfondo del palco un bellissimo primo piano di Tonino regala a tutti un sorriso …

Una risposta a “A Nuoro, emozionanti serate in onore e in ricordo di Tonino Puddu”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *