PER LA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE A CAGLIARI, L’ASSOCIAZIONE SARDA “GRAMSCI” DI TORINO DONA L’OPERA D’ARTE ‘SYMBOLUM’ DI STEFANIA SPANEDDA

di ENZO CUGUSI

La Fondazione Sardegna Film Commissionin collaborazione con l’Associazione dei sardi in Torino A.Gramsci,con Sardegna Ricerche e lo Spazio Tab Teatro e Arte di Burattini Is Mascareddas – SardegnaTeatro in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, ha organizzato l’evento WE CAN ,Mai più violenze contro le donne presso la sede dell’ex Manifattura Tabacchi, in viale Regina Margherita 33 a Cagliari. La giornata si è aperta con il saluto delle autorità cui è seguita la performance teatrale “La chiave dell’ascensore” di Ágota Kristóf a cura dell’attrice Maria Loi con Alessandro Muroni al pianoforte, alla quale hanno assistito gli studenti del Liceo artistico Foiso Fois di Cagliari.

Momento saliente della giornata è stata l’inaugurazione dell’opera Symbolum dell’artista bosana Stefania Spanedda -direttrice artistica del Premio internazionale di Arte Ceramica fratelli Melis di Bosa, dirigente dell’Associazione Gramsci e membro del Messy Lab collettivo di Ceramiche  in Torino –  che da anni lavora sulla simbologia della Dea madre sarda per trasmettere dei messaggi di denuncia sociale sulla condizione delle donne (famosa l’opera Donne spezzate XXVI esposta ai giardini Scillato di Salerno in memoria delle  26 donne morte sulla costa partenopea durante uno dei viaggi della speranza).

L’Associazione A.Gramsci che da 50 anni promuove e sostiene iniziative a carattere etico e sociale sia nella città della Mole che in contesti allargati anche attraverso progetti internazionali, con l’evento, We can: mai più violenze contro le donne, ha voluto donare l’opera “Symbolum” collocata nello storico complesso della Manifattura Tabacchi culla del lavoro e della emancipazione femminile cagliaritana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *