I FINALISTI DI VISIONI SARDE 2021: “MARGHERITA” DI ALICE MURGIA

di BRUNO MOSSA

Tra i titoli in finale a Visioni Sarde 2021 spicca “Margherita” di Alice Murgia.

La storia.

Margherita ha 16 anni e passa l’estate dalla nonna in Sardegna. Ha una grandissima cotta per il bagnino Nicola e una gran voglia di provare cose nuove. Margherita fa l’amore per la prima volta con lui, ma non è affatto come lo descrivevano le amiche, le commedie romantiche o perfino i porno: lei non ha provato nulla di sensazionale, non si sente diversa. Cosa deve fare per rendere bello il sesso?

Il cast

Interpreti: Beatrice Lotti (Margherita), Enrico Elia Inserra (Nicola), Giulia Anchisi, Giacomo Fadda, Nicole Caferri, Eleonora Cancedda, Rita Maria Speranza Cara e Giaime Invidia. Soggetto e sceneggiatura: Alice Murgia e Giuliana Pizi. Montaggio: Claudio Califano. Costumi: Valentina Bertossi. Scenografia: Marta Morandini. Fotografia: Enrico Bellinghieri. Suono: Andrea Oppo (Presa Diretta), Simone Lucarella (Microfonista), Leonardo Savini (Supervisione Montaggio del Suono), Rainer Russo (Mix). VFX: Giulio Lazzarini. Organizzatore Generale: Elisabetta Ariemma e Chiara Ciccone. Make-up: Alice Gandolfi.

“Margherita” è un film sostenuto dallaRegione Autonoma della Sardegna, Sardegna Film Commission e prodotto dal Centro Sperimentale di Cinematografia Production.

Note di regia

Margherita vuole essere un racconto di formazione, più specificamente un racconto di formazione sessuale di una ragazza di sedici anni. La necessità non è tanto quella di parlare di liberazione sessuale, quanto piuttosto di educazione sessuale. Il sesso, anche per le ragazze più giovani non è qualcosa di oscuro e misterioso, si sa come si fa. Ma se la meccanica è ben chiara fin da subito, manca spesso la spontaneità dell’atto. Tramite la possibilità reale di poter osservare e conoscere i nuovi inquilini della casa accanto, Margherita scopre che il sesso non è solo come il porno o come quello che lei ha vissuto fino a quel momento. Margherita è un corto strettamente legato a questo tempo, in cui la protagonista cerca di trovare una sua strada che accolga la liberazione sessuale come strumento di relazioni più forti e oneste.

La regista

Alice Murgia cresciuta a Villacidro (SU), laureata presso University of the Arts of London in Film & TV. Ha lavorato con varie case di produzione a Londra e a Roma in qualità di assistente alla regia. Nel frattempo nel 2019 si è diplomata in regia cinematografica presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Fra i corti da lei diretti “La missione” vince il premio per la miglior sceneggiatura e il miglior corto per TV nel festival Tulipani di seta nera TSN XIII edizione.

“Margherita” ha vinto il primo premio come miglior cortometraggio regionale al Figari Film Fest di Olbia edizione 2020 e ha partecipato ad Alice nella città 2020,Sedici Corto 2020, Vicoli Corti 2020 e Passaggi d’Autore 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *