A TORINO IL 25 SETTEMBRE, LA PROIEZIONE AL ‘CINEMA MASSIMO’ DE “IL CLAN DEI RICCIAI” DI PIETRO MEREU

di ENZO CUGUSI

Il Clan dei ricciai di Pietro Mereu sarà presentato sabato 25 settembre al Job Film Days (JFD), festival cinematografico internazionale dedicato alle tematiche del lavoro e dei diritti dei lavoratori in programma a Torino dal 22 al 26 settembre 2021.

Il Job Film Days è nato a Torino nel 2020, in occasione dei cinquant’anni della Legge 300 del 20 maggio 1970, meglio conosciuta come Statuto dei Lavoratori. Il festival, diretto da Annalisa Lantermo, è organizzato dall’Associazione Job Film Days, il cui principale obiettivo è la promozione di iniziative culturali che – attraverso il cinema – indaghino il tema del lavoro con particolare attenzione per la tutela e il rispetto dei diritti dei lavoratori, la legalità, le pari opportunità, la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro.

La manifestazione è realizzata grazie alla preziosa collaborazione del Museo Nazionale del Cinema e di una fitta rete di istituzioni e associazioni locali, nazionali e internazionali, tra le quali l’Associazione sardi Gramsci di Torino.     https://www.jobfilmdays.org/partners/

Il Clan dei ricciai è la storia di un gruppo di pescatori di Cagliari, i quali hanno avuto tutti problemi con la giustizia. Il boss di questo clan è Gesuino Banchero, che è disposto a dare a questi uomini un’altra occasione per vivere la loro vita in modo onesto ed aiutarli ad integrarsi nella comunità. Questi sono uomini che, indipendentemente dalla loro vita difficile e intensa sono stati in grado di preservare i propri valori.” E’ una storia di riscatto e rinascita attraverso la fatica del lavoro, dopo l’esperienza dolorosa del carcere. Una nuova direzione dell’esistenza che riparte da una dura attività, quella dei pescatori di ricci. Ambientato a Cagliari tra i quartieri “nascosti”, i mercati e l’ex carcere del Buon Cammino, sulle note delle Canzoni di Malavita di Joe Perrino, mostra la vita – tatuata sul corpo e marchiata da anni in carcere – di un piccolo gruppo di ex detenuti e della loro lotta quotidiana per reintegrarsi nella società.

 Pietro Mereu (Lanusei, Italia, 1972) si diploma in sceneggiatura presso la Scuola Civica di Cinema, Tv e Nuovi Media di Milano. Nel 2010 scrive il suo primo film documentario, di cui è anche protagonista, Disoccupato in affitto, ricompensato con numerosi premi. Dal 2012 al 2015, oltre all?attività di regista indipendente, lavora anche come autore televisivo realizzando come La Grecia è qui: lettera alla Sardegna, Arte Etic e Senza regole. Nel 2015 fonda la casa di produzione ILEX Productions.

Filmografia: Giù le mani dall’Ogliastra (2016, doc, cm), Noi non molliamo: facce e storie dell’alluvione (2016, doc), Il club dei centenari (2017, doc, cm), Il manager di Dio (2017, doc), Il clan dei ricciai (2018, doc).

Cinema Massimo via Verdi 18 – sabato 25 settembre ore 16.

Dopo la proiezione incontro con l’autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *