PARTENZA AGRODOLCE PER IL CAGLIARI NEL CAMPIONATO 2021-22: CON LO SPEZIA E’ SOLO 2-2

Il Cagliari inizia con un pareggio all’Unipol Domus l’avventura nel nuovo campionato di Serie A. Contro lo Spezia finisce 2-2, il medesimo risultato dell’anno scorso. Diversa solo l’evoluzione del punteggio: allora gli ospiti riuscirono a riacciuffare il pari con un rigore all’ultimo secondo del recupero, qui è stato il Cagliari a recuperare addirittura un doppio svantaggio. Infilzato due volte, ad inizio partita e ancora nel momento di massimo sforzo dei rossoblù, il Cagliari ha avuto la forza di andare a riprenderla nel giro di quattro minuti, dal 62′ al 66′: è stato il capitano, Joao Pedro, a prendersi la squadra sulle spalle e a segnare la doppietta che ha ristabilito l’equilibrio.

Tanto di cappello alla prova dello Spezia, bene organizzato, dinamico e con un’idea di gioco ben definita, sviluppata tenendo pallone a terra; il Cagliari però avrebbe meritato qualcosa di più del pareggio, se non altro per la volontà espressa, il carattere e il numero di occasioni da gol costruite. Un punto comunque non da buttare via, considerando come si era messa la partita.

Cragno in porta, difesa con Walukiewicz, Godin e Carboni, a centrocampo Nandez, Deiola, Strootman, Marin e Dalbert, duo di attacco formato da Joao Pedro e Pavoletti: questo è il primo undici del nuovo campionato disegnato da Leonardo Semplici.

Prime schermaglie con tanta confusione in mezzo al campo. Al 7′ però lo Spezia rompe gli indugi: Gyasi scambia con Verde e fa partire una fucilata a pelo d’erba che si infila nell’angolo lontano alla destra di Cragno.

Al 12′ Verde da posizione angolata cerca di sorprendere Cragno con un tiro scagliato direttamente in porta, palla alta.

Lo Spezia pressa alto con spavalderia, gioca uomo contro uomo, al Cagliari non resta che scavalcare il centrocampo con qualche pallone lanciato in profondità. Al 20′ conclusione di Verde dalla destra, Cragno chiude bene il suo palo.

I rossoblù si fanno vedere un minuto dopo, con una sponda aerea di Deiola, appena un filo alta per la testa di Pavoletti.

L’occasionissima per il pari arriva al 24′: Nandez riprende un pallone sulla destra dopo un angolo di Marin, nuovo cross, Pavoletti non riesce a deviare, Zoet sbaglia l’intervento, Walukiewicz da due passi a porta spalancata spara alto. Chance sprecata ma mette paura allo Spezia: da qui il Cagliari si scioglie, Zoet è bravo a neutralizzare un colpo di testa ravvicinato di Joao Pedro, riprende Deiola, tiro a botta sicura, salva Hristov nei pressi della linea, mandando in angolo.

Marin calcia dalla bandierina direttamente in porta, Zoet respinge in qualche modo, Godin tira, fuori non di molto. Poi è Nandez ad accendere la Unipol Domus con una serie di dribbling stretti in mezzo a due, tiro cross, lo Spezia si salva ancora in corner.

Al 41′ punizione di Marin in area, Joao Pedro devia di testa, para Zoet. Il capitano si fa pericoloso ancora al 43′ con un tiro piazzato a giro sul palo lontano da fuori area, Zoet si distende sulla sua sinistra e devia in angolo.

Piccolo brivido al 1′ dei 2′ di recupero quando Verde prova ad imitare Gyasi, stavolta la palla sfila un paio di metri distante dallo specchio.

Il Cagliari riparte a spron battuto dopo l’intervallo: è ancora Nandez a suonare la carica, affondando sulla destra, pallone in area per Pavoletti, tiro impreciso.

Lo Spezia non sta a guardare: veloce ripartenza portata da Colley, sinistro teso respinto da Cragno, Strootman spazza per evitare guai peggiori.

Ancora Nandez penetra in area dalla destra, si ritrova solo davanti a Zoet, Pavoletti potrebbe ricevere, l’uruguayano sceglie di tirare, il portiere olandese è bravo ad opporsi, nuovamente in angolo.

Quindi Cragno è costretto ad uscire “alla Neuer”, molto alto, a metacampo, di testa in tuffo, per interrompere l’azione di Colley.

Ma il Cagliari insiste, meriterebbe il pari: grande idea di Strootman che finge il tiro e pennella un cross per Pavoletti, anticipato nello stacco da Ferrer, Joao Pedro prova l’acrobazia spettacolare ma non colpisce bene, azione sfumata.

Al 58′ arriva la doccia fredda: ripartenza condotta in modo lineare dagli spezzini, Gyasi lavora il pallone allargandolo per Amian, cross basso, Bastoni in corsa spedisce alle spalle di Cragno.

Il Cagliari si riporta sotto con rabbia, Pavoletti fa da sponda per Joao Pedro, disperata scivolata di Hristov in angolo.

Il gol rossoblù è solo differenziato di un paio di minuti: siamo al 62′, Strootman difende palla sulla trequarti, tocca Marin, riceve Joao Pedro che spalle alla porta si gira e calcia forte e teso, stavolta Zoet non ci arriva.

Subito i cambi di Semplici: Zappa e Pereiro per Walukiewicz e Deiola, il Cagliari passa a quattro.

Emozioni a raffica: lo Spezia reclama un rigore per un contatto Carboni-Gyasi, l’arbitro lascia correre, il Cagliari riparte veloce, tiro di Joao Pedro rimpallato, palla vagante, si avventa Pavoletti, steso da Zoet. Fourneau indica subito il dischetto.

Momenti di suspense per la review dell’episodio precedente: non c’è nulla, è penalty per il Cagliari. Joao Pedro dal dischetto spiazza Zoet per il pareggio. Ristabilita la parità nel giro di un paio di minuti.

Nello Spezia Mraz subentra a Verde. Il Cagliari vuole vincerla e si getta all’attacco: cross di Pereiro, Joao Pedro anticipato all’ultimo. Poi di nuovo Joao servito da Marin, stavolta è facile per Zoet.

Dopo il cooling break al 73′, entra Ceppitelli per Godin.

Spezia pericoloso al 75′, Colley si prepara una conclusione dal limite, fiondata centrale, para Cragno.

Dalla parte opposta, Marin al limite, tre contro tre, servizio per Joao Pedro, tiro di destro a giro, Zoet si oppone, Pavoletti non riesce a ribadire in rete.

Lo Spezia è velenoso, Mraz batte Cragno su assist di Amian, però l’attaccante ligure parte da una netta posizione di fuorigioco.

All’83’ Joao Pedro va in pressing su Zoet, sulla trequarti per poco non gli sottrae il pallone che schizza sul piede di Pavoletti, tiro dalla lunga distanza che incoccia il corpo di un difensore.

Semplici un minuto più tardi gioca le carte Simeone e Lykogiannis per Pavoletti e Carboni.

Nello Spezia Vignali prende il posto di Ferrer.

I liguri spezzano il ritmo dei rossoblù, tengono bene il pallone e si riportano anche dalle parti di Cragno: al 94′ fendente di Bastoni, facile per il portiere del Cagliari.

Finisce in parità, domenica è in programma la trasferta sul campo del Milan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.