LA III EDIZIONE A OROTELLI DEL PREMIO NAZIONALE INTITOLATO A SALVATORE CAMBOSU: CRONACA DI UN SUCCESSO

La giuria con al centro Gianni Filippini, Premio Speciale
di NERIA DE GIOVANNI

La terza edizione del premio Nazionale Salvatore Cambosu ha scaldato ed affollato la sala del Centro Polivalente di Orotelli. Il premio è organizzato dalla Fondazione Salvatore Cambosu, il Comune di Orotelli, col Patrocinio del Presidente del Consiglio Regionale della Sardegna e il contributo dell’Assessorato Regionale della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport. Le terne dei finalisti delle due sezioni del concorso, Narrativa e Giornalismo, hanno raggiunto un livello tanto rimarchevole che Neria De Giovanni, presidente della Giuria, ha rimarcato come tutti i finalisti siano i vincitori entro cui si è scelto il primo classificato: “Come al Campiello c’è il Supercampiello, tutti i nostri finalisti sono vincitori del Cambosu e tra di loro c’è il superCambosu… come primo classificato!”.
Ecco i nomi:
sez, Narrativa: Sezione A Narrativa: Giulia Corsalini, “La lettrice di Cechov”, Nottetempo; Maurizio Maggi, “La coda del diavolo”, Longanesi; Matteo Porru, “Madre ombra”, Edizioni La Zattera.
Sezione B Giornalismo: Dina Lauricella, “Il codice del disonore. Donne che fanno tremare la ‘ndrangheta,” Einaudi editore; Paolo Pillonca, “O bella Musa ove sei tu,” Domus de Janas; Flavia Piccinni Carmine Gazzanni, “Nella Setta”, Fandango.
Premio Speciale annunciato prima della cerimonia al giornalista Gianni Filippini.
Una Giuria di prestigio: Simona De Francisci, vicedirettore della TV Videolina; Tiziana Grassi,giornalista e pluridecennale autrice di Rai International; Vito Biolchini, giornalista free lance e collaboratore di testate regionali e nazionali; Marco Frittella giornalista RAI e volto del TG1. Presidente chi firma quest’articolo, presidente dell’Associazione Internazionale dei Critici Letterari. Ogni giurato ha firmato e letto la motivazione per vincitori: Vito Biolchini ha presentato la menzione d’onore per il libro di Paolo Pillonca giornalista recentemente scomparso ed il figlio ha ritirato la targa istituzionale.
Simona De Francisci ha preparato la motivazione per il vincitore della sez.Narrativa a Maurizio Maggi; Tiziana Grassi quella per la vincitrice della sezione Giornalismo, Dina Lauricella.
Neria De Giovanni ha letto la motivazione per Gianni Filippini premio speciale.
La cerimonia del premio, aperta dai saluti di Lucia Cossu della segreteria organizzativa, ha visto anche la partecipazione molto applaudita del giovane finalista Matteo Porru, già vincitore del Campiello giovani.
Tre interventi dell’attore Gavino Poddighe hanno fatto risuonare la voce dello scrittore Salvotore Cambosu e del suo protagonista nel romnazo “Una stagione a Orolai”.
Di Salvatore Cambosu e delle sue opere di narratore e giornalista hanno parlato i rappresentanti del CdA della Fondazione a lui intitolata, Irene Bosu e Angelo Gonario Sirca.
Al sindaco di Orotelli, nonchè Presidente della Fondazione, Nannino Marteddu, è toccato aprire l’evento , motivando il Premio e soprattutto presentando i numerosi progetti in essere, primo fra tutti il Museo dedicato a Cambosu e il prossimo Parco letterario sulla sua opera ed i suoi luoghi narrativi.
Neria De Giovanni ha colto al volo la proposta del Sindaco, annunciando così che proprio per l’alto valore letterario delle opere finaliste, il Premio Cambosu organizzerà un calendario di presentazioni di questi libri a partire dalla primavera 2020.
Così il Cambosu sarà il primo in Italia a non abbandonare i propri vincitori ma ne curerà la diffusione anche oltre la cerimonia del Premio. Una ricchezza per tutti.

http://www.portaleletterario.net/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *