“LUNGO LA STRADA UN CAMMINO”, TANTISSIMI RIFERIMENTI ALLA SARDEGNA NEL NUOVO LIBRO DI FABIO STRINATI

ph: Fabio Strinati

Uscito da pochissimi giorni Lungo la strada un cammino, il nuovo libro del poeta sardo- marchigiano Fabio Strinati, pubblicato con Transeuropa Edizioni. Si tratta di un’opera colta, matura, un diario di bordo pregno di esperienze visive ed interiori che lo scrittore e poeta di Esanatoglia (attraverso un viaggio che sembra non avere fine né ritorno), scrive quasi di getto durante i suoi numerosi viaggi che sembrano narrare storie vissute, consumate, prese per mano in un’epoca che tanto assomiglia a una dimensione lontana e assai distante dal pensiero comune.

“Lungo la strada un cammino” è come un diario di bordo partorito attraverso il respiro e il battito cardiaco di ogni luogo penetrato e poi assorbito, attraverso l’utilizzo parsimonioso dei cinque sensi: ogni poesia, tratteggia con umiltà le percezioni che pian piano si sono nutrite di suoni e colori, trasportati da frequenze poetiche perfettamente sintonizzate con il “qui e ora”. Ogni poesia, tanto assomiglia a una cartolina desiderosa di vivere una vita propria, attraverso la libertà poetica, del nascere fecondo.

All’interno della raccolta poetica, sono molti i paesi e i luoghi dedicati alla Sardegna. Da ricordare: Orune, poesia dedicata alla pittrice Bonaria Manca, Sant’Antioco, Mamoiada, Budoni, Su Pallosu, Il Massiccio del Gennargentu, Monastir, Cagliari ed infine, una poesia dedicata allo storico cantante dei Tazenda, Andrea Parodi.

MAMOIADA

Così minuta e interna

di quel bollore

vivo e intriso d’altitudine

in uno smarrimento di Barbagia

ch’è delirio eterno e di fiumi che sgorgano

come da un foglio bianco

le gradazioni di parole lievi

che assumono forme ondivaghe,

di liberi pascoli di colture

che esplodono in un abbraccio impigliato

nella morsa di Sa hosta

e sulle verdi colline liquide

toccate da un rimemorato vento,

colmo di figure coalescenti

che in un declivio sottile

si appagano l’anima

in un’adorabile eleganza

animata dalla purezza

di un cuore immerso nel folclore,

che nel Su Passu Torràu si eleva

genuina e sfavillante

e di quel rinomato odore

che pulsa nelle vene di Sardegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *