LA PALLAVOLO, UNA PALLA, UN SOGNO, UNA REALTA’: SARA GERINI CAMPIONESSA NELLA VITA E NELLO SPORT


evento segnalato da Manola Bacchis

Sara Gerini nasce in Sardegna, nel Sulcis Iglesiente, a Carbonia. Famiglia numerosa e chiassosa. Eppure, quel chiasso per Sara è silenzio. Infatti, Sara, nasce con una disabilità sensoriale, non sente. La sordità è una compagna della sua vita, e vive con essa, fin dalla nascita. La solarità di Sara abbraccia chiunque. La sordità è un dettaglio. Non è Sara. Parla. La LIS non è la sua lingua. Lo sono l’italiano, il sardo e l’inglese.

I genitori – padre medico psichiatra, madre insegnante – educano Sara attraverso la Logopedia, allora non conosciuta come oggi, e lei, bimba vivace, apprende ed impara a parlare come tutti i bambini. La sua prima vittoria nel campo della vita.

Lei, centrocampista da bambina, ed ora, dall’età di undici anni,schiacciatrice nella pallavolo. Sport di una vita. C’è chi nasce con la camicia e chi con un pallone, bianco e nero e, poi, giallo e azzurro. Campionessa a livello Nazionale, pratica anche la beach volley. Sara vive con lo sport: le consente di confrontarsi, di conoscere e di carpire i limiti e i confini, suoi e altrui. Quando lo sport annulla le barriere, fa vincere il dolore e ti insegna a vivere”: queste sono le parole di Sara, e lo dimostra appieno. Infatti,non si accontenta, e frequenta la Facoltà di psicologia dello sport. Ha un grande obiettivo nella vita: promuovere lo sport con il suo valore per eccellenza, l’umanizzazione, l’attenzione, l’ascolto. Ecco perché decide di lasciare un lavoro sicuro per creare una scuola per valorizzare la valenza dello sport, tanto da creare una scuola dello e per lo sport per persone con disabilità. E, di questo ed altro parlerà all’Università degli studi di Cagliari: gli studenti del Corso di Laurea di scienze delle attività motorie e Sportive, Facoltà di Medicina e Chirurgia, potranno ascoltarla l’8 maggio 2017 alle ore 11 nell’aula magna Boscolo. Il Corso di Laurea, Presidente prof. Andrea Loviselli, ha organizzato un convegno formativo coi docenti di Pedagogia applicata alle attività motorie e sportive, dott.ssa Manola Bacchis e dott. Massimiliano Zonza, e Sara Gerini ha captato l’invito come una grande opportunità per trasmettere e dialogare con i giovani universitari. Il giallo e l’azzurro saranno il simbolo dei valori positivi dello sport in tutta la Cittadella Universitaria dell’Ateneo di Cagliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *