LA STILISTA SARDA ANTONELLA LADINETTI INCANTA NEW YORK: DA OSILO ALLA RIVISTA DI MODA “VOGUE”

ph: Antonella Ladinetti

È finito su Vogue.it uno degli abiti realizzati da Antonella Ladinetti, la “sarta prototipista” di Osilo sempre più proiettata nello scintillante mondo dell’alta moda. Una soddisfazione che la stilista osilese ha espresso così sulla sua pagina facebook: «Dopo tanta fatica è veramente emozionante vedere finalmente su Vogue.it l’abito completamente ricoperto di Swarovski che ho realizzato per Michael Kors, un ringraziamento speciale anche a Rossana Ladinetti». La foto dell’elegantissimo abito – indossato nell’occasione dalla supermodella statunitense Lily Aldrige – è stata scattata i giorni scorsi sul red carpet del “Met Gala 2016”, la manifestazione annuale che si tiene a New York a sostegno del “Metropolitan Museum of Art’s Costume Institute di New York City”. Antonella Ladinetti conferma così il suo talento e la sua creatività nel disegnare abiti di rara eleganza e modernità, seppure il suo gusto estetico e i suoi riferimenti culturali rimandino spesso alle fogge e ai ricami del vestiario tradizionale del suo paese. Antonella Ladinetti ha iniziato a disegnare vestiti quasi per gioco, «per non annoiarmi in classe durante le lezioni di economia aziendale». Dopo aver studiato “Fashion design”, “Sartoria e modellistica donna”, ha iniziato a lavorare fuori dalla Sardegna, come sarta-prototipista, per importanti marchi, realizzando i capi per le sfilate di “John Galliano”, “Rocco Barocco”, “Jil Sander”, “Krizia”, “Ferrè”, “Rochas”, “Byblos” e altri ancora. Nel 2012 però, nonostante il grande amore per il suo lavoro, la stilista osilese decide di licenziarsi e di tornare a vivere in Sardegna. «Rallentare un po’ i ritmi frenetici a cui ero abituata – confessa – e passare più tempo con le persone che amo, era ormai un’esigenza irrinunciabile. Avevo bisogno di tornare a uno stile di vita un po’ più rilassato, rilassato si fa per dire». Perché a quel punto, Antonella si è messa in proprio, pur continuando a collaborare come freelance per importanti aziende di moda. Così le capita ancora spesso di andare fuori per realizzare capi sfilata, prototipi e capi Vip per Micael Kors, Ralph Lauren, Calvin Klein, Bottega Veneta, Rochas, Schiapparelli. A Osilo ha un piccolo laboratorio dove disegna e realizza piccole collezioni autoprodotte e abiti da sposa su misura per chi desidera un capo di alta moda unico ed esclusivo. Tra le altre cose, comunque, Antonella Ladinetti ha cucito abiti destinati ad Anna Wintour, la direttrice di Vogue America, una gonna cucita da lei insieme ad altre colleghe, è stata esposta l’anno scorso al Gran Palais di Parigi in una mostra dedicata allo stilista Jean Paul Gaultier, ha collaborato alla realizzazione di una collezione di abiti per Cristian Lacroux in onore della stilista Elsa Schiapparelli, che sono stati poi esposti al Louvre. «Sicuramente – precisa la stilista osilese – dal punto di vista lavorativo avrei molte più opportunità vivendo fuori dalla Sardegna, ma amo la mia terra e ho scelto di vivere qua il più possibile, anche se molte volte è abbastanza complicato. Per certi aspetti preferisco il lavoro che svolgo in Sardegna, mi piace disegnare e realizzare abiti per persone normali, mi piace studiare per loro l’abito perfetto, che ne esalti al meglio le qualità fisiche e ne sminuisca i difetti. In un certo senso cucire abiti per le modelle è meno divertente, stanno bene con tutto».

 

4 risposte a “LA STILISTA SARDA ANTONELLA LADINETTI INCANTA NEW YORK: DA OSILO ALLA RIVISTA DI MODA “VOGUE””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *