BUON 2016 CON I CIBI SARDI RACCOMANDATI


di Paolo Pulina

 

BONU ANNU 2016
 
Alimentos sardos raccumandados
pro su 2016
 
S’Amèrica dichiarad’at cun gosu:
su màndigu sard’illongat sa vida.
Pane carasau o chi siat modditzosu
mandigare devimus tota chida.
 
Pane frattau e casu crabinu
o berbeghinu cun pane de orzu;
fenuju, fae, basolu. E binu?
Cannonau, naramus tipu puntorzu!
 
Sos baldos non lassemus a sos fiados,
pumatas bellas, mèndulas benèficas:
sun custos deghe  alimentos giustos,
 
pro campar’a chent’annos, lanzos, biados.
E tando est tzertu chi sun maleficas
sas pettas: porcheddu, anzone e arrustos.
 
Ca si poi sun sos gustos
de ghisadu, ziminu e de turrone:
chidas de vida in diminussione!
 
Peruna discussione.
Su sardu devet mandigare in biancu:
“boh! boh!”, chena birr’Ichnusa a fiancu!
 
E malloreddus francu.
Augùrios pro s’annu da poi de s’EXPO:
pro sos chent’annos: ne seada e ne gatò!
 
Paulu Pulina
BUON ANNO 2016
 
Cibi sardi raccomandati
per il 2016
 
L’America ha dichiarato con piacere:
il cibo sardo allunga la vita.
Pane carasau o pane morbido
mangiare dobbiamo tutta la settimana.
 
Pane frattau e formaggio di capra
o di pecora con pane di orzo;
finocchio, fave, fagioli. E vino?
Cannonau, diciamo tipo pungolo!
 
I cardi non lasciamo alle bestie,
pomodori belli, mandorle benefiche:
sono questi  i dieci  alimenti giusti,
 
per campare a cent’anni, magri, beati.
E allora è  certo  che  sono malefiche
le carni: porcetto, agnello e  arrosti.
 
Perché se poi ci sono i gusti
di stufato, di interiora e di torrone:
settimane di vita in diminuzione!
 
Nessuna discussione.
Il sardo deve mangiare in bianco:
“boh! boh!”, senza birra Ichnusa a fianco!
 
E gnocchetti niente.
Auguri per l’anno dopo l’EXPO:
per i cent’anni: né seada e né gatò!
 
Paolo Pulina

 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *