FABIO ARU HA COMUNQUE VINTO: IL FUTURO E’ SUO, C’E’ ANCORA TANTA STRADA DA FARE NEL MORTIROLO DELLA VITA

Fabio Aru con l'unica maglia rosa vestita sin ora nella sua carriera dopo la tappa con arrivo a Jesolo

di Giampaolo Cassitta

Io l’ho visto che raggranellava boati di ossigeno e provava a cancellare la fatica. L’ho visto che raccoglieva tutta la forza che aveva negli anfratti delle sue possibilità. L’ho visto piegarsi e barcollare, giunco che non si spezza, esile e silente, mentre davanti c’era la salita: il Mortirolo. Quella montagna ha sempre qualcosa di magico: distrugge ed esalta, diventi un campione da ricordare per tutta la vita o entri nell’oblio del silenzio. Quelle rampe che non riesci mai a contare e non riesci mai a domare, sembrano le curve della tua vita. Io l’ho visto  Fabio Aru pedalare per aggirare gli ostacoli, raggomitolandosi tra il dolore e la rabbia. L’ho visto quando Contador l’ha raggiunto e, per un attimo, gli si è avvicinato e ha pedalato con lui. Ma si sapeva che non avrebbe mai pedalato per lui. Ho visto quando lo spagnolo ha preso la bicicletta e l’ha spronata verso la vetta e Fabio Aru a guardare, nel silenzio degli attimi. Io l’ho visto che con il pensiero era più veloce di tutti, era già all’ultimo chilometro, era lassù a controllare tutto e tutti, ma le gambe non c’erano, le gambe di Fabio si rifiutavano di trovare una soluzione. E tutti, allora, davanti alla magnificenza di Contador, alla forza di Landa –  sino a quel momento il suo fido gregario –  gridavano alla sconfitta: Aru non c’è più, polverizzato: è la resa del sardo al suo ex gregario che da oggi, probabilmente,  sarà il capitano dell’Astana. Già, le sconfitte si consumano nel silenzio e il mondo non c’è mai a consolarti.  Non c’è mai nessuno quando perdi, non c’è mai nessuno che possa dirti: eppure, a ben vedere hai fatto l’impresa. Che impresa è se arrivi settimo, a quasi tre minuti dal vincitore, che impresa può essere quella dove le parole hanno emigrato verso altri ciclisti e tu, ormai, sei quasi dimenticato? Ed invece vista dall’alto del Mortirolo Fabio Aru ha vinto. E’ arrivato senza nessun aiuto a solcare la vetta, è ridisceso e poi, ancora è risalito, ha distrutto la catena e ha cambiato bici, come si cambia prospettiva. Da solo, come un piccolo “nibaru” che non si spezza. E’ giovane Aru e ha capito che occorre perderle certe battaglie per poter crescere. Poi, in fondo,  quella vetta  l’ha scalata con grande dignità. C’è ancora tanta strada da fare nel Mortirolo della vita.

* http://www.sardegnablogger.it/

Una risposta a “FABIO ARU HA COMUNQUE VINTO: IL FUTURO E’ SUO, C’E’ ANCORA TANTA STRADA DA FARE NEL MORTIROLO DELLA VITA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *