IL 9 MARZO A ORISTANO, LA SECONDA GIORNATA DI STUDIO "LE DONNE E LA STELLA"


di Gian Piero Pinna

Il prossimo 9 marzo, nel suggestivo complesso di Is domus de sa terra nostra de Aristanis, in via Diego Contini a Oristano, con inizio alle ore 16, si terrà la seconda giornata di studio “Le donne e la stella”, alla quale seguirà l’inaugurazione di una serie di mostre che saranno visibili sino al 19 marzo, con orari dalle 10 alle 13 e dalle 16,30 alle 19,30. “È il momento di un nuovo modo di fare storia – afferma la studiosa Lucia Manca Demurtas – dove gli elementi armonici si compongono in un contesto ritmico – musicale, nella metamorfosi della Sartiglia con colori, suoni, simboli e ornamenti”.

La seconda giornata di studio “Le donne e la stella”, è stata patrocinata dalla Regione autonoma della Sardegna, dall’Università degli Studi di Cagliari e Sassari, dall’Amministrazione Provinciale di Oristano, dalla Cooperativa Archeotour di Paulilatino, fal Gremio dei Contadini e dal Gremio dei Falegnami. Tra le autorità invitate figurano il Prefetto di Oristano Giovanni Russo, l’Assessore regionale al turismo Luigi Crisponi, il Sindaco di Oristano Guido Tendas, l’Assessore comunale Peppini Marras, il Presidente della Provincia Massimilano De Seneen, il Presidente del Consiglio provinciale Mauro Solinas, il Presidente del Gremio dei Contadini Corrado Sanna e il Presidente del Gremio dei Falegnami Francesco Cadoni. Saranno presenti anche le tre donne che hanno vestito i panni di Su Componidori: Annadina Cozzoli, la prima donna Componidori per il Gremio dei Contadini nel 1973, Elisabetta Secchi e Valentina Uda, entrambe Componidori per il Gremio dei Falegnami negli anni 2010 e 2013. I lavori saranno introdotti e presieduti da Lucia Manca Demurtas, che parlerà anche di “Un itinerario del passato: il sublime delle immagini e la vitalità dei simboli”, il secondo intervento è stato affidato alla ricamatrice Maria Salis, che farà una esauriente relazione su “I veli della Sartiglia”, Francesco Obinu, direttore della Fondazione Sa Sartiglia, spiegherà invece quale è “Il ruolo della donna nel Gremio”, mentre il responsabile del Centro di documentazione sulla Sartiglia, Maurizio Casu, si inoltrerà nei meandri dei Gremi per cercare di far capire come avviene “L’investitura de is Componidoris”, a Raimondo Zucca, è stato affidato l’argomento su “Uomini e donne della Sartiglia”, mentre Giorgio Pellegrini presenterà una relazione di carattere prettamente letterario, con “La bella di Cabras. La donna negli scritti dei viaggiatori dell’Ottocento in Sardegna”. A Ivan Demurtas (Dipartimento di Musicologia – Conservatorio “Pierluigi da Palestrina” di Cagliari), è stato affidato l’impegnativo compito di concatenate le varie anime della giostra oristanese, parlando di “La Sartiglia come rito: ritmico ritualizzante”, quindi, il suo intervento proseguirà con un altro argomento per presentare le manifestazioni collaterali, relazionando su “Quando il colore diventa suono per gli occhi”. Alla fine della giornata di studio, ci sarà l’inaugurazione del settore espositivo, con vari eventi collaterali: quello del maestro Augusto Biselli, con la sua mostra “Orchestra di colori”; l’arte fotografica di Sebastiano Demurtas, “Attraverso la Sartiglia”; infine, i lavori di ricamo realizzati da Maria Salis, “I veli della Sartiglia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *