TOTTUS IN PARI, 437: UN MONDO SENZA GABBIE (intervista alla modella cagliaritana Chiara Fanti)

Tottus in Pari, numero 437 - febbraio 2013

Per visionare integralmente il numero 437 di TOTTUS IN PARI, cliccare sulla copertina nella colonna di destra.
Se vuoi entrare nella mailing list per ricevere la pubblicazione sul tuo pc,
richiedila a piffilandia@tiscali.it oppure a tottusinpari@tiscali.it

3 risposte a “TOTTUS IN PARI, 437: UN MONDO SENZA GABBIE (intervista alla modella cagliaritana Chiara Fanti)”

  1. Ho letto l’articolo su TIP 437. Tanto di cappello per la buona volontà della signorina Chiara Fanti, anche se non sono d’accordo su alcuni aspetti che ha evidenziato. Sai quale è il vero problema dei canili troppo pieni e dei cani che vi restano tutta la vita? Non sono quelli che comprano i cani dagli allevatori, perchè anche i cani di razza hanno diritto ad avere una casa…..Il vero problema è la mancanza di cultura nella gente. I proprietari dei cani dovrebbero essere consapevoli del fatto che sono responsabili dei loro animali e dei piccoli che eventualmente metteranno al mondo…..se chi ha il cane lo lascia scorazzare liberamente per le campagne, come possiamo pensare che il problema dei randagi verrà risolto? Purtroppo le leggi ci sono ma non vengono applicate…..prova a chiedere a chi ha il cane in campagna che cosa è un microchip? O l’anagrafe canina? O perchè non sterilizzano il cane femmina se non si possono occupare dei piccoli? Ti rispondono che non è naturale….certo, invece abbandonare i piccoli è naturale? Finchè la gente continuerà a pensarla così non ne verremo fuori. Ci vuole cultura. Anche tanto amore e rispetto per gli animali, ma prima di tutto cultura.
    Qui a Verona il canile funziona un po’ meglio, grazie al lavoro di tanti volontari e addetti usl circa il 50 % dei cani trovati viene restituito al proprietario (identificato con il chip) e buona parte dei rimanenti viene dato in adozione. Ma è sempre una lotta contro il tempo, i cani vaganti sembrano moltiplicarsi. Tanti ancora non sono chippati (a Verona!!!). Non serve solo dire amo i cani. Serve essere veicolo di cultura, perchè ognuno può fare la sua piccola parte.

  2. Cara Annalisa,innanzitutto ti ringrazio per aver letto l articolo!Abbiamo sicuramente dei punti contrari di vedere alcune cose,inizio col dirti che per me tutti i cani sono uguali,non esistono distinzioni di razze o pedigree ecc. sono totalmente contraria alla vendita dei cani (sono esseri non oggetti),se tu mi dici che anche i cani di razza hanno diritto ad avere una casa,fai sicuramente distinzioni tra razza e non razza! Non dimentichiamoci che tutte queste razze,non sono altro che il frutto di tante selezioni che fece l’uomo in passato,generando di anno in anno sempre piu’ cani, e oggi il risultato e’sempre piu’ randagismo!
    Sono daccordo col fatto che ci sia mancanza di cultura nella gente,e hai perfettamente ragione a dire che le leggi per lo piu’ non vengono applicate,ma il mio intento era sensibilizzare e in qualche modo far prendere coscienza alle persone che adottare un cane anziano dal canile e’ un gesto possibile che riempie il cuore,perche’ anche loro hanno diritto ad un po’ d’ amore non solo i cuccioli,sai Annalisa credo che ognuno di noi possa dare il loro contributo per aiutare queste creature,anche tu che nel commento esponi il problema della "mancanza di cultura" hai dato il tuo contributo;se ognuno davvero si occupasse di un problema,riusciremo tutti insieme a contribuire e a fare tanto di piu’!!!
    Il problema e’ anche questo,che a volte ci si fa guerra tra animalisti stessi,e non si conclude nulla…,non serve dire tu fai quello ma devi fare questo!Il vero problema del randagismo certo e’ la mancanza di anagrafe canina e sterilizzazioni,ma volevo dare spazio ad un argomento un po’ piu’ delicato,che riguarda proprio gli anziani nei canili(loro hanno bisogno piu’ che mai dell amore e delle cure,perche’ non sono piu’ in grado di badare a loro stessi come un tempo).Poi se hai letto nell articolo,io mi occupo proprio di cani randagi,ovvero sterilizzare le femmine randagie,microchippare i randagi e trovare loro una famiglia che li accolga amorevolmente!
    Comunque anch io credo che se tutti i cani del mondo venissero sterilizzati e microchippati,il problema diminuirebbe in modo dastrico,se non totale!Ma ti ripeto,il mio argomento era dedicato ai piu’vecchietti sfortunati,anche loro hanno diritto di essere adottati!
    Concludo,mi fa tanto piacere sapere che al canile di verona i cani stanno meglio rispetto a tanti altri canili,qui non e’ permesso avere dei volontari e sopratutto amanti dei cani,per fortuna non sono tutti uguali!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *