ALL'ASSOCIAZIONE "CUNCORDU" DI GATTINARA (VC) SI E' CONCLUSA LA TERZA EDIZIONE DI "SARDINIA'S EXPERIENCE": NELL'ULTIMO APPUNTAMENTO SI E' PARLATO DELLA CITTA' DI CAGLIARI

immagine dall'Assocazione "Cuncordu" di Gattinara con al centro il Presidente Maurizio Sechi

di Maurizio Sechi

Si è conclusa la terza edizione di “Sardinia’s experience”, organizzata dall’associazione sarda Cuncordu di Gattinara. Mercoledì 7 novembre, nella sede di corso Vercelli, una serata dedicata a Cagliari, capoluogo dell’isola, ha segnato il quarto e ultimo appuntamento della rassegna che permette a sardi e non di scoprire varie zone o aspetti della Sardegna in una sorta di guida di viaggio multimediale e interattiva. Durante la serata dedicata a Cagliari è stata ripercorsa la storia della città, di origini fenicie, e le varie vicissitudini che hanno portato alla denominazione attuale del capoluogo, che prima si chiamava Caralis. Sono stati analizzati anche i diversi aspetti dell’economia e degli sviluppi futuri che vedono coinvolta la città, dall’ambito portuale, con un centro che si sta sempre più aprendo al turismo delle crociere, a quello dei trasporti. Sono stati presentati anche due aspetti della religiosità di Cagliari, che poi sono due fenomeni devozionali che interessano tutta l’isola: il culto di Nostra Signora di Bonaria, patrona massima della Sardegna, e l’antica processione di Sant’Efisio, il compatrono di Cagliari, che ogni primo maggio viene omaggiato da gruppi in costume provenienti da tutta l’isola. Le voci e i sapori catalani di Alghero sono stati invece i protagonisti del terzo appuntamento di “Sardinia’s experience”, rassegna di turismo e territorio giunta alla sua terza edizione, organizzata dall’associazione sarda Cuncordu di Gattinara. Nella sede dell’associazione si è svolta una serata che ha permesso al pubblico di scoprire non solo la storia e le caratteristiche, ma anche molte curiosità su uno dei più rinomati centri della Sardegna, ancora oggi influenzato dalla cultura catalana, che emerge nella lingua, nella cucina, nella toponomastica e in alcune espressioni. Oltre alla città che sorge sul golfo di Capo Caccia, si è parlato anche del territorio circostante e la “guida di viaggio” della serata si è spinta fino a Stintino e all’isola dell’Asinara. Gli altri due appuntamenti di “Sardinia’s experience”, che si sono svolti in primavera, erano dedicati ai mamutones e alla nautica da diporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *