LA VITTORIA DI CROCETTA ALLA POLTRONA DI GOVERNATORE DELLA REGIONE SICILIA, SPALANCA LE PORTE DELL'EUROPARLAMENTO A FRANCESCA BARRACCIU

nella foto Francesca Barracciu

Le elezioni siciliane sono state da molti definite come un laboratorio nazionale, ma a prescincere dall’influenza dell’esito sul panorama politico italiano, gli effetti diretti dell’elezione di Rosario Crocetta alla carica di Governatore potrebbero avere un diretto riscontro soprattutto per la Sardegna. Per la prima volta potrebbero essere due i sardi a rappresentare l’isola in Europa, il posto vacante di Rosario Crocetta spetterebbe infatti di diritto a Francesca Barracciu, prima dei non eletti nella lista del Partito democratico per le elezioni europee del 2009. La mancata elezione dell’ex sindaco di Sorgono fu attribuita da stampa e analisti politici al tanto criticato regolamento elettorale che prevede un’unica lista per le due Isole maggiori. All’interno della lista, gli aspiranti ai seggi provenienti dalla Sardegna devono infatti competere con quelli provenienti dalla Sicilia, facendo affidamento su un bacino di voti inferiore a un terzo di quello a disposizione dei siciliani. Nonostante la grande differenza in termini di bacino elettorale e nonostante l’alta astensione che caratterizzò la tornata elettorale, solo il 40,9% dei sardi infatti andò a votare, il risultato ottenuto da Francesca Barracciu le permise di ottenere il terzo risultato della lista con 116.935 voti, subito dopo Rosario Crocetta e Rita Borsellino, e con oltre 40 mila voti in più del terzo dei votati siciliani della lista Pd, Giovanni Barbagallo. La Barracciu negli ultimi mesi è stata vista da molti come una delle favorite nella corsa a candidato del centrosinistra per la presidenza della Regione, l’accesso al Parlamento Europeo potrebbe influire sulla competizione interna alla carica, un rifiuto invece impedirebbe alla Sardegna di avere un secondo rappresentante a Bruxelles, con il seggio che andrebbe al siciliano Barbagallo. Francesca Barracciu ancora non ha espresso pubblicamente la sua decisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *