LA MOSTRA "SU POPULU DE BRUNZU" A MESTRE SU INIZIATIVA DEL CIRCOLO "ICHNUSA"

 
di Saverio Vidili

Dopo non pochi rinvii e cambi di sede dell’ultima ora, dovuti ai più svariati motivi, non da ultimo alcune beghe fra i rappresentanti della politica veneziana, si è allestita a Mestre la mostra « Su populu de bronzu » presso lo Spazio Metropolitano del Centro Culturale Candiani. La mostra, lavoro prezioso di ricerca realizzata da Angela Demontis, che ha preso parte all’inaugurazione dove ha illustrato agli ospiti  presenti, le fasi della ricerca e della realizzazione. Il lavoro svolto è stato apprezzato in maniera entusiasta dai presenti, che hanno potuto assaporare in diretta e dalla stessa voce della realizzatrice, tutte le peculiarità, le curiosità e la storia del mondo dei nostri Avi Nuragici. La mostra “Il popolo di bronzo”, aperta per quindici giorni, ha visto un lusinghiero afflusso di pubblico ed un caldo apprezzamento da tutti coloro che si sono soffermati ad ammirarla. E’ stato curioso che, anche moltissimi sardi abbiano assaporato a fondo il piacere di scoprire o riscoprire gli antichi usi e costumi dei nostri progenitori. Ma anche gli amici non sardi che si sono avvicinati alla mostra, hanno potuto scoprire che la Sardegna non è solo spiagge e mare, apprezzando moltissimo questo piccolo tuffo nella storia delle genti Sarde. Dopo la parentesi di Mestre, la mostra è tornata in terra di Sardegna per essere esposta al Museo di Perfugas. A noi resta il piacere e la soddisfazione di essere riusciti a proporre un’altra faccia, delle tantissime e variegare, della nostra isola, oltre ad inviare un enorme complimento alla curatrice Angela Demontis ed alla Provincia di Cagliari, titolare della stessa mostra, per aver saputo investire in un piccolo patrimonio di storia e cultura sarda che sta facendo il giro del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *