"NONOSTANTE TUTTO, ANDIAMO AVANTI!". LE PAROLE DEL PRESIDENTE DEI CIRCOLO "RINASCITA" DI OBERHAUSEN IN GERMANIA

l'autore dell'articolo

di Franco Sogus

La problematica dei finanziamenti porta grande scoramento ai Direttivi e soprattutto ai Presidenti die circoli che si devono assumere tantissime responsabilità. Un problema che abbiamo sempre vissuto e resterà penso per il prossimo futuro. E l’emigrazione dalla Sardegna continua attraverso la fuga di cervelli  che cercano all’estero una via di scampo, un posto di lavoro. Una vera emigrazione di massa ma diversa da quando negli anni settanta sono stato anch’io a fuggire dall’isola per trovare un mondo migliore, che la terra natia non mi ha potuto offrire. Non vengono più con la tradizionale valigetta di cartone che tengo segregato nei miei ricordi più intimi ma che con rabbia un giorno ho deciso di bruciare, per esorcizzare e dimenticare per sempre le mie sofferenze di allora, costretto a vivere in paese completamente diverso, quale la Germania, alle mie tradizioni, alle mie usanze senza i miei amici e la mia famiglia. Oggi per i giovani andarsene dalla Sardegna rappresenta una nuova esperienza diversa, spesso con il portabile sotto braccio. Ma si rivolgono in primo luogo ai primi veri Ambasciatori della Sardegna, che siamo noi, rappresentanti dei circoli Sardi nel mondo chiedendoci il possibile e spesso l’impossibile: trovare una occupazione adattandosi a tutto anche a lavare  piatti in ristorante pur di raggranellare qualche euro. Ogni giorno decine di E-mail arrivano ai circoli, con le richieste di questi giovani, che sarebbe forse opportuno ritrasmettere all’Assessorato affinchè si renda conto dell`importanza dei circoli sardi, che con i tagli dei finanziamenti rischiano di morire. Con ottimismo dobbiamo andare avanti, essere uniti, pronti a difenderci per una giusta causa, affinché i Circoli Sardi abbiano una continuità per il futuro. Trovare delle nuove formule per accaparrarci nuove risorse da aggiungere agli scarsi contributi che la Regione mette a disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *