PATTO DI STABILITA' INTERNO ED IMMEDIATA SOSPENSIONE EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI A FAVORE DEI CIRCOLI DEGLI EMIGRATI: E' LA DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE SUL PROGRAMMA ANNUALE DEL 2012

in primo piano Liori e Cappellacci

documento redatto da Francesca Piras, Direttrice del Servizio

Quest’Amministrazione a causa degli stringenti limiti imposti dal rispetto del Patto di stabilità interno alla propria capacità di spesa non sarà in grado di far fronte a tutti gli impegni derivanti dall’attuazione del Programma in oggetto.

Con deliberazione n. 21/1 del 21/5/2012 la Giunta regionale ha impartito le direttive per la determinazione del plafond annuale degli impegni e dei pagamenti, stabilendo altresì a quali tipologie di spesa si dovrà, in linea generale, dare priorità. Alla luce di tali disposizioni, fatte salve le priorità stabilite a livello globale, la Direzione generale dell’Assessorato ha avviato un’analisi diretta a rivedere le priorità nella spesa dei propri fondi che porterà ad una nuova quantificazione del plafond da assegnare a ciascuna linea di attività.

Nelle more della ridefinizione delle priorità non sarà quindi possibile procedere ad impegni e pagamenti sulla competenza 2012.

L’assolvimento degli impegni assunti nel 2011, fatto salvo il pagamento di quanto dovuto per il funzionamento e le attività svolte nel corso del precedente esercizio finanziario, sarà possibile solo qualora le organizzazioni in indirizzo abbiamo stipulato accordi dai quali discenda un’obbligazione giuridicamente vincolante, il cui mancato rispetto dia luogo al pagamento di penali. Saranno riconosciute esclusivamente le spese derivanti da detti accordi purchè già stipulati alla data di ricevimento della presente comunicazione.

Compatibilmente con le priorità che verranno stabilite dalla Direzione generale, questo Servizio, nell’ambito delle proprie competenze, intende dare priorità alle seguenti spese:

–       Spese per il funzionamento dei circoli, delle associazioni e delle federazioni per l’anno 2012 e spese per la ristrutturazione delle sedi sociali; per lo stesso anno non sarà finanziata alcuna attività di cui all’art 7, comma1 lett d della legge regionale numero 7 del 1991.

–       Spese per congressi e per l’attuazione di progetti regionali, per le quali vale quanto anzidetto a proposito degli impegni assunti nel 2011: deve cioè trattarsi di spese impegnate a valere sul precedente esercizio finanziario; sostenute in virtù di accordi stipulati in data precedente al ricevimento della presente dai quali discenda un’obbligazione giuridicamente vincolante e il cui mancato rispetto dia luogo al pagamento di penali.

In relazione ai Progetti regionali di cui al Programma 2012, il Servizio si impegna ad istruire i soli “Progetti tradizionali”.

Tuttavia il loro finanziamento sarà subordinato al positivo evolversi dell’attuale situazione finanziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *