COSA SIGNIFICA LA PAROLA OMERTA' OGGI IN SARDEGNA? INCONTRO CON PINO TILOCCA, SINDACO NEL MIRINO

Pino Tilocca è stato sindaco a Burgos dal 2000 al 2005

di Claudia Sarritzu

Cosa significa la parola omertà oggi in Sardegna? «Oggi significa mantenere chi compie atti criminali all’interno della comunità, in parole povere: non far pagare il prezzo sociale dell’emarginazione al colpevole. Omertà è quando pochi “fanno” ma molti “sanno”, quando è del tutto assente la riprovazione della gente verso ciò che è accaduto ma è praticata l’accoglienza dei soggetti colpevoli all’interno di tutti quei riti che scandiscono la vita pubblica di un paese . In un certo senso si viene uccisi dal paese, queste cose accadono dove c’è un contesto sociale che le permette». Risponde così Pino Tilocca, sindaco di Burgos in provincia di Sassari dal 2000 al 2005, gli hanno prima profanato la tomba della madre e poi ucciso il padre. «Negli anni si sarebbe potuto arginare il problema della violenza e della prepotenza e così non è stato, ancora nel 2012 resta una diffidenza,  un distacco netto fra Stato e alcune comunità sarde, con la crisi questo tende ad accentuarsi. Nel momento in cui la pubblica amministrazione prende decisioni che contrastano con alcuni interessi, grandi o piccoli che siano, alcuni non hanno problemi a usare la violenza. Noi non abbiamo la mafia in Sardegna, ma abbiamo comportamenti mafiosi da non sottovalutare. La violenza è vista come mezzo per arrivare a un risultato, è accettata. L’insicurezza e l’assenza di speranza non fanno che accentuare il problema». Ogni battaglia che si è fatta contro le mafie è stata vinta anche grazie ai giovani e al loro desiderio di legalità.  Ecco perché il primo giugno 2012 si terrà a Cagliari nell’aula magna del Liceo Classico Siotto Pintor alle ore 16: 30 un’iniziativa dal titolo “Giovani e Legalità: Sardegna LIBERA dalla Mafia”, organizzata dai Giovani Democratici della Sardegna congiuntamente con il Laboratorio di Partecipazione Politica, in collaborazione con l’organizzazione regionale di Libera, l’associazione contro le mafie che opera ormai dal 1995 su tutto il territorio nazionale sotto la guida del noto Don Ciotti. Saranno presenti relatori di spicco, fra cui il magistrato Antonio Ingroia, l’eurodeputato Rosario Crocetta e Rita Borsellino e Nando Dalla Chiesa con un contributo video, per parlare di cosa è la mafia oggi e se di mafia si può parlare in Sardegna. Gli attentati ai piccoli amministratori locali di questi mesi ci dicono che di comportamenti mafiosi si tratta e non di anti politica. Non bisogna andare molto lontani per trovarle le vittime di oggi, Gianni Argiolas è il sindaco di Monserrato, il 24 febbraio scorso vede bruciare l’auto di sua moglie sotto casa sua, nessun ferito, ma è chiaro che la situazione non va sottovalutata. Il prefetto Giovanni Balsano alcuni giorni dopo l’attentato ha dichiarato che secondo le loro valutazioni  «è emerso che il Comune è interessato da importanti interventi di urbanizzazione vicino all’Università». Il sindaco dopo aver inizialmente pensato di dimettersi, dopo la tanta solidarietà ricevuta dalla propria gente e dagli altri amministratori degli altri comuni vicini ha deciso di restare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *